Site icon pollycoke :)

Come forzare lo svuotamento del Cestino di GNOME

Ecco un micro “consiglio del giorno” che ci viene proposto da “Ubuntu Tutorials“. Si tratta di svuotare il cestino… un’operazione ordinaria, direte voi. Ma vi è capitato mai che lo gnomo si rifiutasse di compierla?

E me succede abbastanza di frequente che compilando, installando ed eliminando robaccia in stato di pre-alpha :D mi rimanga nel cestino qualcosa su cui non ho i necessari permessi che mi permettono di eliminarla “definitivamente”. In questi casi la soluzione che ho sempre usato quasi senza pensarci è questa. La trascrivo perché magari qualche nuovo utente non ci arriva da solo.

$: sudo rm -rf ~/.Trash

Questo spazzerà via il cestino insieme al suo contenuto. Non temete, la directory nascosta “.Trash” verrà ricreata immediatamente, ripristinando l’originale funzionalità.

In realtà ho trascritto questo tip per fare notare una carenza abbastanza grave comune a GNOME, e (l’ultima volta che ho controllato) KDE: ossia una gestione un po’ più flessibile dell’accesso a funzionalità o parti del sistema su cui non abbiamo permessi sufficienti.

Ormai da un po’ abbiamo gksudo e gksu (e simili), che ci permettono di lanciare applicazioni per amministrare il sistema, invece purtroppo non esiste ancora un modo per permettere, a chi ne abbia diritto, di spostare o eliminare una directory “protetta”, magari dopo aver inserito una password.

Sto parlando di un caso tipo: “lancio Nautilus da utente normale, vado in /usr/share/icons/ e creo una copia della directory Tango trascinandola e tenendo premuto Ctrl”. Normalmente il comportamento di Nautilus o Konqueror, o Dolphin ;) è di cadere in ginocchio e arrendersi, invece sarebbe davvero carino se spuntasse gksudo e mi chiedesse di inserire la password (ammesso che io sia abilitato ad usare sudo) per poter compiere quella che è considerata un’operazione riservata all’amministratore del sistema.

Sia ben chiaro, a me va benissimo così ma sarebbe un modo carino di dare il benvenuto agli utenti meno esperti, e non ci sarebbe più bisogno di “consigli del giorno” come questo :)

Vai alla barra degli strumenti