pollycoke :)

Migliorare il comportamento di Gksudo

Vi sarà sicuramente capitato di avviare applicazioni che richiedono diritti d’amministrazione, dal menù Sistema->Amministrazione… e avrete notato che la finestra che chiede la password oscura momentaneamente lo schermo:

Vi spiego perché questa finestra non mi ha mai convinto, e vi dico anche come cambiare la situazione in modo da avere un riscontro visivo meno brutale, ma sicuramente anche meno “messo su” alla buona.

La particolarità di gksudo – questo il nome dell’app che vedete in azione in alto – è che per evitare inconvenitenti spiacevoli si è fatto in modo da concedere la precedenza assoluta alla finestra di gksudo, che detiene il focus su tutte le app, e si rimarca l’intenzione oscurando tutto il resto del desktop.

Le magagne spuntano fuori quando si usa Compiz, ad esempio. In quel caso si esplicita come comportamento si scorretto e si nota che, detto in termini terra-terra, gksudo scatta una foto del desktop, ritaglia una parte corrispondente al dialogo di richiesta password e oscura tutto il resto. Il problema esiste sia con Compiz che senza, ma con Compiz si evidenzia in maniera abbastanza orrorosa, specie l’effetto oscuramento è inguardabile.

Quindi quello che noi vediamo mentre inseriamo la password è una foto morta del nostro desktop… Lui in reatà continua a vivere, e noi non sapremo mai cosa gli è accaduto nel frattempo. Intere guerre e catastrofi nucleari possono sconvolgere le nostre esistenze in un attimo, potrebbe arrivarci la notifica di Gaim che la nostra collega supersexy si è appena connessa: noi perderemmo l’opportunità di invitarla a cena¹

Beh stronzate a parte. Esiste un modo per impostare un comportamento “sano” di gksudo, che permette sì di avere la protezione del focus e altri accorgimenti di sicurezza, ma anche di evitare questo hack macchinoso della fotografia allo schermo e di rallentamento generale con Compiz.

La soluzione è di una semplicità scandalosa: basta lanciare la configlet “Preferenze delle tecnologie assistive” (cacchio, che nome…) che trovate nel menu “Sistema->Preferenze” ed abilitare l’opzione “Password dialogs as floating windows” (suppongo che prima o poi verrà tradotta in italiano). Ecco come appare la richiesta di password dopo questa operazione:

Ok ok, l’altro è più carino, con quell’effetto fade… Ma questo funziona “meglio”, non cerca trucchetti pirotecnici che poi sono palesemente raffazzonati, non rallenta con Compiz e soprattutto, dal momento che lo schermo è “live”, possiamo vedere se la nostra collega si connette! :D
– – –

[1] Don’t try this at home: gli inviti si fanno sempre guardandosi negli occhi! ;)

Vai alla barra degli strumenti