Site icon pollycoke :)

OT: ommioddio mi faccio paura da solo

Comincio a chiedermi quanto di ciò che io sono traspaia da questo blog. Non sono mai stato un agitatore di masse, non ho mai istigato nessuno alla violenza e anzi non mi piace alcun tipo di violenza.

Mi ritengo più uno che deve essere “punzecchiato” per dire la sua, ma dal momento che sono un buon osservatore/ascoltatore, le mie opinioni – e il modo in cui le esprimo – sono spesso apprezzate. È questo che mi incoraggia a scrivere su pollycoke :)


Scrivo di getto… Ho appena realizzato che un post che ho recentemente scritto senza nessunissima acrimonia, ha generato un casino che francamente non mi aspettavo e non desideravo per niente, soprattutto perché nella foga della discussione, degenerata altrove, è andata a finire che io spunto fuori come una specie di manipolatore di coscienze -.-

Il post in questione si limitava a raccontare un’esperienza negativa avuta con quello che nello stessissimo post non ho esitato ad introdurre come “il top dei browser attualmente in circolazione” (non mi sembra che sia un dispregiativo). Questo mi ha fatto un po’ da spunto per esporre alcune cose negative di quel software: per fortuna nessuno è perfetto, così ho espresso qualche pensiero, credo in maniera del tutto equilibrata e senza mai offendere nessuno, o almeno ci ho provato.

La cosa buffa è che l’esperienza mi sono deciso a raccontarla solo dopo aver letto il messaggio di un noto hacker GNOME che aveva avuto un problema similissimo a distanza di poche ore, e solo perché non era la prima volta che il suddetto browser affossava la mia distro… costringendomi ad un Reset. E altrettanto buffo è che in molti mi hanno confermato di avere avuto un’esperienza simile.

Per la cronaca, sembra che il problema fosse dovuto alla home page di un progetto, in cui si fa uso di flash in abbondanza, e che è stato visitato più o meno contemporaneamente da migliaia di utenti a causa di un rilascio tanto atteso. Ma tutti sanno che non è proprio rarissimo vedere la propria RAM ridotta ai minimi termini per una stupida pagina web. Non mi fa certo piacere dirlo, ma purtroppo è così, e – cosa pericolosamente buffa in prospettiva del polverone – il problema è conosciuto e riconosciuto dagli stessi sviluppatori di quel browser.

Non so come e perché, ma questi ingredienti assolutamente innocui, miscelandosi hanno preso vita propria e hanno reagito malissimo. Non qui su pollycoke :) che per fortuna sembra al riparo dalle orde di troll e resta invece terreno privilegiato di discussioni produttive, ma su altri siti/portali/forum/blog. La notizia si è propagata. Le repliche sono state entusiastiche, concordi, oppure offese, stizzite, stupide, intelligenti…

…e infine, com’era quasi normale date le proporzioni della discussione, si è arrivati alle offese -.- Ripeto: non qui, per fortuna. Ma sono state scritte parole ridicole. Surreali, se considerate che tutto ha origine da un software, un racconto di fatti oggettivamente accatudi e qualche osservazione legittima ed espressa con il massimo del rispetto.

Beh, scrivo perché tengo a dire che le mie opinioni su quel software, sulla nostra comunità, su quei forum, portali, blog e qualsiasi altro tipo di risorsa che abbia reagito al mio post non cambia. Una critica molto leggera come quella mia è sempre la benvenuta, com’è giusto che sia, una discussione come quella che si è generata in queste pagine è esattamente il motivo per cui scrivo, …e infine una polemica come quella che sta montando un po’ dapper-tutto ci può anche stare, dai.

Credo che la cosa più importante sia restare entro i limiti del buon gusto. Io sono certo di non aver voluto offendere nessuno, se credete che le mie parole nascondano prese in giro, messaggi subliminali, cospirazioni, offese… beh semplicemente non è così. Forse è solo il mio stile di scrittura, che qualcuno definisce “appassionato”, a far sembrare le cose più importanti di quanto in realtà non siano… Mi dispiace se qualcuno ci ha visto qualcosa di sbagliato, ripeto per l’ennesima volta il mio giudizio sul software in questione, che si misura in termini d’eccellenza, come ho ripetuto fino alla nausea.

Una cosa che mi da un po’ di fastidio è la banalizzazione che qualcuno a volte fa delle mie parole. So che ci sono poche persone molto “verbose” che mal sopportano me e il mio blog… A loro dico che esistono infiniti modi di esprimere la propria visione delle cose, ed altrettanti di recepirla. Per favore non banalizzate quello che scrivo, io mi guardo bene dal farlo.

Ma tutti noi sappiamo che avere delle critiche, più o meno opportune, è il prezzo da pagare per avere il grande numero di ottimi lettori e contibutori che frequentano questo angolo di web. Che non si dica che abbiamo paura delle critiche ;)

Vai alla barra degli strumenti