Menu Chiudi

Pasta e fagioli col culetto



Personalmente gli chiederei: «Nella vostra opera di sacrosanta guerra ai fannulloni, come mai invece di cominciare punendo proprio i poveracci, non avete scelto di dare un segnale di responsabilità e purgare prima la classe politica italiana, mandando a casa i tanti parassiti?». Invece per questa volta ci accontentiamo della sua interessantissima ricetta per un lassativo naturale, con tanto di autobiografico culetto
Beh, dopotutto siamo in Italia.

[via crudi, su MSN]

0 commenti

  1. Daniele

    Condivido il fatto che ci siano grandi fannulloni strapagati proprio iniziando dal parlamento, ma certo non si puo’ biasimare il lavoro che sta facendo. I fannulloni ci sono comunque e se sono pure poveracci potrebbero stare a lavorare invece di prendersi giorni di malattia per giocare a calcio, andare in ferie e comunque fare altro. Quindi buon lavoro ma ci sono ancora i pesci che “mangiano di piu'” da sistemare.

  2. Didimo

    Caspita!
    La parola gli è venuta…
    Nota sul registro: 5 in condotta.
    Respinto? Forse è meglio un’espulsione definitiva.
    Hasta luego!

  3. molok

    Non vedo l’esigenza di essere offensivi; cerchiamo di non dire cose di cui potremmo pentirci successivamente.
    Trovo che sia socialmente e anche politicamente stupido usare certi termini: cos’ha di male la pasta e fagioli!?

  4. ragugo

    non capisco perchè? perchè in un bel blog su linux, cucina, musica ogni tanto si deve cadere nello stile ed abbandonarsi alla retorica…
    … Avrai o non avrai ragione, sarai o non sarai populista sarà anche il tuo blog e ne fai ciò che vuoi… ma mi chiedo solo PERCHE’? bhà…

  5. dave

    consiglio, senza retorica ne nulla di che la lettura di questo articolo http://www.lavoce.info/articoli/pagina1000669.html e anche di qualcosa di piu vecchio su noisefromamerika (se siete interessati cercateli voi) in cui si da una lettura piu veritiera di tutta questa faccenda.
    e prima che saltiate alla gola, sono economisti e persone molto obiettive.
    adoro le loro analisi.

  6. Davide

    mia moglie lavora all’ ASL e da quando hanno dichiarato “guerra” ai fannulloni le assenze sono diminuite dell’80%

  7. swoshhh

    Ma sei fuori di melone come un balcone? Toccare queste icone sacre e inviolabili come i rappresentanti della ditta arcorese? Non c’è altra possibile spiegazione: ti fai di roba peSante. Scherza coi pinguini e lascia stare i cuochi!
    Temo che questo post ti costerà un bel flame. Peccato averci pensato un po’ tardi…

  8. mimmozzo

    mah forse è l’unico che sta facendo qualcosina di buono… purtroppo un sistema non lo si smantella dal di dentro :)

  9. felipe

    @Simone:
    Come cuoco, dici? No, la pasta e fagioli non è una mia specialità ;)
    @tutti:
    I fannulloni devono andare a casa. A cominciare dai politici, la classe più parassita (in qualsiasi sua declinazione) e sprecona in Italia. Non esiste nessun altro modo di legittimizzare l’operato del “culetto”.

  10. 3Balista

    @Daniele
    D’accordo con te sul principio che uno lo stipendio se lo debba guadagnare lavorando sul serio.
    Ma proprio per questo, la sua azione sarebbe ancora più efficace se rivolta in primis nei confronti dei dipendenti dello stato che hanno stipendi ragguardevoli e (dovrebbero avere) maggiori responsabilità.
    Il pesce puzza dalla testa, dicono.
    @rarugo
    Non la chiamerei retorica, semmai è un’opinione. Il bello delle opinioni è che non devono per forza essere condivise, nè discusse. Se ne può parlare, se ti va, ma anche no. ;)
    Buona pasta e fagioli a tutti…

  11. andrea

    Concordo con te Felipe ed aggiungo che l’ottavo nano farebbe bene a guardarsi intorno, mi fa pena come del resto tutti i politici italiani di qualsiasi colore…..

  12. Framp

    Tutto lo stato è marcio, non solo i politici.
    Loro soprattutto, ma non solo. (e.g. scuole???)

  13. iced

    Il problema è solo 1: i politici _non_ devono essere politici per tutta la vita! Prima o poi devono trovarsi un lavoro serio. Sennò, concordo con Felipe, diventano dei PARASSITI che vivono (bene) sulle spalle di chi lavora:
    2 legislature,
    o 2 mandati
    max 10 anni
    poi si torna (o si comincia) a lavorare.
    Ovvio che una legge del genere, che dovrebbe essere fatta dagli politici professionisti, non ci sarà mai.

  14. overhill

    @Felipe: se ti riferisci ai politici fannulloni ti do’ ragione; se ti riferisci ai politici in generale no.
    Siamo abituati ad arrabbiarci con i nostri “capi” quando le cose non vanno bene (piove, governo ladro) senza mai dare a quelli che lo meritano (pochi, concordo) la giusta riconoscenza.
    So che è difficile trovare esempio, ma uno per tutti per me è Raffaele Costa, presidente della provincia di Cuneo: quando è stato Ministro della Sanità ( se non ricordo male) la sera della finale dei mondiali in cui giocava l’Italia, si è presentato alle Molinette (un grande ospedale di Torino) per scoprire chi era assente ingiustificato: inutile dire che fu una strage.
    Politici seri ce ne sono, è non è corretto, a mio avviso, prendersela con tutti…

  15. LordKhain

    Da quando in qua si combattono i fannulloni “punendo” chi si ammala?? Cosa c’è di anche solo lontanamente giusto o vagamente costituzionale nell’accanirsi con chi è MALATO e sta a casa con un certificato medico??
    E soprattutto… perchè tutte queste “sacrosante” misure SOLO contro i dipendenti pubblici?
    Questa legge è una porcata, e chi l’ha promulgata, come chi la difende senza avere assolutamente idea delle sciocchezze che dice, è un criminale.
    O meglio, in una cosa è stato bravissimo: ha TASSATO i lavoratori pubblici facendo finta di operare per il miglioramento della pubblica amministrazione e abbindolando tutti i faciloni e i creduloni che si fidano delle fregnacce che raccontano i servi del potere sui giornali e sui telegiornali del Padrone.
    Il problema sono i fannulloni che prendono malattia finta? Allora punite i medici compiacenti che firmano i certificati. E basta anche con le visite fiscali, che sono il solito schifoso spreco-spot elettorale pagato con i nostri soldi.
    Vogliamo parlare poi dell’assenteismo di chi esce e va al bar o a fare la spesa a spese nostre? Perfetto, allora prendetevela con i manager strapagati che non fanno NULLA per controllare i loro dipendenti (visto che sono a fare la spesa con loro…).
    …ma naturalmente questo non lo fanno… i dirigenti votano tutti a destra… giustamente toccano solo la povera gente…
    Sono in malafede, e chi non se ne accorge o ha il prosciutto sugli occhi o è connivente.

  16. overhill

    LordKhain, calmati e ragiona: la legge non è contro chi si ammala, ma contro chi finge di ammalarsi. Fino a quando non fai la visita fiscale, come fai a sapere se la malattia è vera o no?
    Quando li si becca, allora loro e il medico compiacente ne pagano le conseguenze.
    Se conosci un metodo migliore per sapere chi mente e chi no, fatti avanti e proponi, invece di fare il solito sport nazionale del “cealtrismo”, tipico di chi dice sempre “ci sono altre cose più importanti).
    (e tra parentesi NON ho votato questo governo, che, anzi , mi sta pure un po’ sulle balle… ma prima di tirare fuori gli artigli, usiamo la testa…)

  17. Endymion

    Esperienza personale:
    Sono un perito elettronico e lavoro in sanità da 12 anni, penso di aver “marcato” 2 o 3gg di malattia dalla mia assunzione, Ho circa 200 ore di straordinari non pagati ed un mese di ferie da fare, le mie mansioni sono molto al di sotto della reale attività che svolgo, diffatti svolgo lavoro da dirigente, al posto del dirigente che viene in ufficio forse 2 volte a settimana.
    Ad agosto mi ricoverano per appendicite e… (dopo due interventi) quasi non muoio per colpa di un chirurgo imbecille, nullafacente ma politicamente appoggiato… ecco… il bello è che per il mese (!!!) di malattia che ho dovuto prendere mi hanno tolto dei soldi dalla busta paga, ma virendete conto?
    Ora sono tornato in ufficio e ho due scrivanie di pratiche da mandare avanti, tutti i colleghi incazzati perchè il lavoro si è ingolfato…. guadagno 1,200 Euro al mese facendo una settimana di reperibilità 24su24 7su7 al mese.
    Il bello è che i soliti furbetti assenteisti ci sono ancora… basta leccare un po’ il culo al politico giusto… facendo così arrivano pure i premi e le promozioni…

    Endymion

  18. Andrea

    devo dire che pultroppo i politi fannulloni non li può/deve mandare a casa lui ma noi elettori

  19. LordKhain

    @ 17 overhill
    E secondo te una legge che penalizza TUTTE le persone malate per colpire gli assenteisti non è contro chi si ammala??
    Mettiamola così, usiamo la testa: l’assenteista è uno che finge di essere malato per stare a casa, quindi ora con questa legge può tranquillamente decidere (peraltro AL TERZO episodio di malattia, visto che ai primi due non succede nulla) di non darsi malato e andare in ufficio; il malato, invece, è uno che in ufficio proprio NON CI PUO’ andare, anche al terzo episodio… Quindi, se il tuo ragionamento e quello del geniale ministro Brunetta sono corretti e grazie a questa legge gli assenteisti scomparissero, avresti il risultato di punire SOLO E SOLTANTO i malati VERI. Democratico e civile, direi.
    Tra l’altro sei completamente in errore anche per il ruolo del medico fiscale, il quale non verifica la diagnosi, ma esclusivamente la PROGNOSI. Chi ACCERTA la malattia è il medico che firma il certificato (e peraltro in virtù della legge sulla pricavy non è neanche obbligato a scrivere la diagnosi sul certificato stesso, appunto perchè E’ LUI a verificare che sto male); il medico fiscale deve solo verificare che il paziente sia in casa ed eventualmente può decidere di diminuire/prolungare il numero di giorni di assenza.
    Nel caso in cui il malato non sia in casa, allora scrive un rapporto al dirigente scolastico. E’ successivamente cura del malato presentare altra forma di giustificazione (ad es. dichiarazione del medico se era a visita, o della struttura ospedaliera). E anche nel caso in cui tale giustificazione non venisse presentata il sanzionamento (non ti pagano i giorni di assenza) non è automatico, ma viene comunque deciso dal dirigente.
    In tutto ciò non c’è assolutamente NESSUN controllo sul medico che ha emesso il certificato.
    Non mi sembri persona particolarmente informata dei fatti, come molti altri.
    Vuoi le proposte? Le ho già fatte sopra: quando la produttività di un ufficio è bassa di norma la colpa è del DIRIGENTE (spesso di destra e raccomandato), non degli impiegati. Invece di prendersela coi poveri cristi che stanno male perchè non si vincola lo stipendio del dirigente alla produttività dell’ufficio e alla qualità del servizio offerto?
    Non sono i dipendenti che “creano” la produttività, sono i dirigenti che devono organizzare i dipendenti affinchè siano produttivi, credo che questo sia evidente anche ai sassi (ma forse non ai ministri…).
    Per i finti malati: effettua controlli a tappeto sui medici che firmano i certificati!! E’ pieno il mondo di medici che emettono certificati senza neanche visitare il paziente…
    Vuoi impedire che i dipendenti se ne vadano a fare la spesa? Manda i dirigenti negli uffici a CONTROLLARE! Una, due, tre volte al giorno!! Ma se i dirigenti sono MENO presenti degli altri dipendenti come fai a stupirti che questi siano a loro volta assenteisti???

  20. Xander

    Concordo con Felipe.
    Ma Felipe ricordati sempre che sei minoranza nel paese (tanto il giuoco è quello no? A chi ce l’ha più lungo)..
    XD

  21. aNoNiMo

    indipendentemente da quello che dovrebbero fare ai politici è comunque giusto migliorare l’efficienza della pubblica amministrazione, perchè fa pietà (senza offesa per quelli che lavorano bene).
    potrei raccontare la mia esperienza, ma suppongo che tutti voi sapete bene come funziona la PA qui in italia :P

  22. Barra

    La legge non punisce nessuno. Da quel che so la normativa non fa altro che mettere alla pari dipendenti pubblici e privati. Chi lavora in un’azienda privata è a rischio controllo fiscale sempre. Nel settore pubblico ho letto che i controlli fiscali fatti ai dipendenti erano possibili solo dal 3o giorno di malattia. E cmq la percentuale dei controlli era sensibilmente inferiore (parliamo di un rapporto 1a10) rispetto al settore privato.
    Che poi nel settore pubblico ci sia del buono ne sono certo. Leggevo pochi minuti fa che il caro (:P) Brunetta ha elogiato l’operato dell’Istituto E.Majorana di Gela per la spinta al risparmio economico, al valutare e proporre soluzioni per migliorare la scuola pubblica. E questo istituto probabilmente lo conoscerete x l’ampia visibilità che sta cercando di dare a linux e all’opensource. Hanno creato videoguide x openoffice, manuali in italiano x altri programmi, fanno formazione usando free software.
    Poi come già detto da qualcun altro che al potere ci siano una massa di mangiasoldi è vero e non penso si possa fare molto x cambiarli. Almeno dall’interno. Come si fa a far passare una legge in parlamento che dimezza gli stipendi, che riduce i privilegi, che danneggia la casta?
    Controllare i medici compiacenti è difficile o quasi impossibile, ne parlavo già un paio di anni fa con un mio parente medico (non di base). Vado dal medico, gli dico che ho mal di schiena, che non riesco ad andare al lavoro. Gli chiedo 7gg. Lui mi da un paio di medicine e nulla +. Torno al lavoro, sto male sul posto di lavoro (o faccio finta poco cambia), cado e mi faccio portare via con un’ambulanza. Il medico lo viene a sapere dal suo legale, con rogne a non finire.
    Quando un medico si trova un paziente che chiede: ma cosa mi succede se poi mentre lavoro…… Cosa volete che faccia. Rischia un procedimento che dura anni o da una settimana a un fannullone?
    Certamente chi sta male ha il diritto di darsi malato e mi sembra che Brunetta non lo abbia mai negato a nessuno. Al massimo tocchera preparare un caffè al medico fiscale :D

  23. overhill

    Perdonami LordKhain, non volevo certo attaccarti, ma solo ricordarti che siamo a rischio “flame” (come se Felipe non lo sapesse :) ).
    Ammetto di non essere informato, perché essendo libero professionista se non lavoro non mangio, per cui mi guardo bene dal fare assenze.
    Vedi, tu stesso ammetti che il merito di un ufficio che funziona è del dirigente, quindi è anche giusto che un dirigente che lavora in modo corretto venga pagato meglio degli altri.
    Così come è giusto tritare le palle a quelli che non lavorano (e ce ne sono tanti, lo so benissimo: abito a Torino e qui abbiamo la Fiat, un posto dove nepotismo è stato – e temo sia ancora – ben presente) e mandarli a casa.
    Be’ però devi convenire con me che se tu stai a casa in mutua, io ti mando il controllo e tu non ci sei, devi quanto meno giustificarmi il motivo, no?
    Che poi la regola possa essere migliorata siamo tutti d’accordo.
    Un’ultima cosa: non mi pare corretto usare l’equazione “dirigente” = ” destra” = “prevaricazione”, soprattutto per il punto centrale del calcolo (inutile che ti dica da che parte sto, no? :) )
    Alla prima occasione una birra insieme non ce la toglie nessuno, spero :)

  24. bev

    spesso ho postato commenti “critici” su questo blog
    stavolta invece dico che vorrei stringerti la mano!

  25. IlTremendo

    Per chi dice che fanno bene ad attaccare i fannulloni/assenteisti:
    andate a guardare le percentuali di presenza dei deputati del pdl negli ultimi 3 governi.
    Ecco la controprova che quello di Brunetta è un operazione di facciata, per attaccare dei lavoratori che dichiarano per la maggior parte di votare a sinistra.

  26. overhill

    Guardiamo anche le percentuali di presenza dei deputati di sinistra, allora.
    Anzi guardiamo quelle di tutti, a destra a sinistra e anche al centro (anche se non esiste più).
    Possibile che in Italia si debba sempre andare a discutere su cos’è di destra e cos’è di sinistra?
    (ogni riferimento a Gaber è puramente voluto, neh?) :)

  27. ilKoala

    Abbiamo dei politici chef: i ministri fanno pasta e fagioli.. le ministre fanno gli gnocchetti.
    Tutto fatto col culetto! Che bravi!

  28. aNoNiMo

    @IlTremendo
    detto sinceramente non me ne importa nulla di cosa fanno i deputati del pdl, per me tutti i politici sono uguali. una classe di falliti che pensano solo a sistemare i propri interessi :P
    il fatto è che la PA non funziona punto e stop. questi interventi di brunetta sono senza ombra di dubbio un miglioramento rispetto al “non fare nulla per contrastare il fenomeno” di tutti i governi precedenti.
    e lo dice uno che non ha certo votato l’attuale maggioranza, anzi non ho votato proprio perchè secondo il mio modestissimo parere il problema è nella forma di governo, non nel governo

  29. Fabio

    Lavoro da 20 anni nella P.A. e sono perfettamente d’accordo con LordKhain. Purtroppo chi non lavora nell’ambiente non immagina minimamente come funzionano le cose.
    La P.A. non va male per i dipendenti fannulloni, sarebbe come dire che un’azienda è andata in crisi per colpa degli operai fannulloni e non per scelte manageriali sbagliate. Purtroppo i dirigenti sono nominati dai politici che sono quelli che, anche attraverso studi esterni (leggi consulenze, + o – come Get the facts di MS) ne valutano successivamente il rendimento. Diciamo poi che l’attività politica è finanziata da imprenditori, che chiedono ovviamente qualcosa in cambio. E così il politico chiede al dirigente di accontentare il proprio finanziatore, il dirigente ha interesse ad accontentare il politico per poi essere riconfermato, il politico ha interesse a valutare positivamente il dirigente perché oltretutto sennò la figura di merda ce la fa lui che ce l’ha messo, e tutti sono contenti. Ricordate: un bravo dirigente è colui che è capace di far apparire convenienti x la P.A. cose che invece potrebbero non esserlo.
    E mi venite a dire che il problema della P.A. sono i fannulloni?
    X quanto riguarda Brunetta, vorrei che guardaste che provvedimenti sono stati presi da questo governo mentre l’opinione pubblica era concentrata sulla caccia al fannullone.
    P.S.: ci sono anche dirigenti e dipendenti bravi e con i controcaxxi ovviamente! E forse anche qualche politico :-)

  30. Skumpic

    Mercoledi la mia famiglia è stata colpita da un lutto. Ho chiamato immediatamente la scuola di mia sorella per chiedere che potesse uscire al termine dell’ora di lezione per far ritorno a casa.Hanno voluto che inviassi un fax. Alle 13.30 mia sorella doveva ancora tornare a casa. La vicepreside che aveva richiesto l’invio del fax si è dimenticata di fare un piano di scale per verificarne la ricezione. Quando sono arrivato a scuola furente l’ho trovata in ufficio. Erano in 4 davanti a 2 pc e parlavano di ferie per il ponte dei morti.
    Il padre della mia ex (dipendente pubblico) decise che l’ultimo anno prima del pensionamento non era il caso di lavorare. Con un medico compiacente è riuscito a “stare a casa” 11 mesi in malattia.
    Sono solo 2 esempi banali, secondo me ognuno qui dentro può riportarne altrettanti.
    Fosse per me vorrei tanti altri Brunetta un pò ovunque. Nell’azienda dove lavoro part-time (6 dipendenti) non si ammala nessuno da 2 anni…. Sarà che nei concorsi pubblici tra i parametri richiesti vi sia anche la salute cagionevole??

  31. aNoNiMo

    @Fabio
    penso che se ci fossero degli operai fannulloni l’azienda li licenzierebbe
    questo avviene nella PA?
    ho avuto a che fare con una maestra delle elementari che picchiava gli alunni, con un professore delle medie che si presentava a lezione 2 volte all’anno e nonostante le denuncie stanno ancora al loro posto.
    in tutto questo il mio pensiero è estremamente di parte perchè ho pagato in prima persona l’inefficienza della pubblica amministrazione e mi dispiace per quelli che lavorano bene, purtroppo il sistema non può funzionare in nessun modo finchè ci sono questi privilegi

  32. Ernesto

    Ora che verrà la stagione dell’influenza, ci sarà chi andrà al lavoro con 39 di febbre perche’ deve pagarsi un mutuo. Il contagio pertanto sarà molto più veloce.
    Io per ogni giorno di malattia perdero’ circa il 50% dello stipendio giornaliero poiché gli stipendi di alcune categorie del pubblico impiego (compresa la mia) sono composte per metà o più di quote variabili. Per di più poiché parte di queste quote sono legate agli obiettivi, non è che se manco per tre giorni perché mi ammalo gli obiettivi da raggiungere si riducano in proporzione, nè le responsabilità professionali: quando torno al lavoro, sono ancora lì immutate, ma io sono stato punito perché malato.
    Colleghi miei, che lavorano nella medesima struttura, ma come diversa figura professionale, perderanno invece cifre abbastanza trascurabili, intorno ai 5 euro, poiché il loro stipendio è quasi completamente tabellare.
    Il capolavoro di Brunetta mi pare molto ingiusto.
    Le malattie di comodo senz’altro ci sono state, e ci sono ancora. Semplicemente, si stanno prelevando soldi da dove è più comodo prelevarli, e cioè dalle tasche dei dipendenti il cui prelievo fiscale è effettuato ancor prima che si sentano in tasca l’emolumento lordo. Complimenti per lo sforzo. Intando chi evadeva le tasse prima, continua ad evaderle, e sragiona di fannulloni lodando ad alta voce il ministrello, mentre gode di servizi (ospedali, scuole etc.) che non paga.
    Non vedo l’ora che se ne vadano.

  33. LordKhain

    @ overhill
    La birra possiamo prenderla quando vuoi!! (anche se io sono a Roma… :) )
    Scusa se ho un tono risentito, ma è incredibile la campagna di disinformazione di cui sono responsabili la stampa e questo governo; stanno manipolando deliberatamente l’opinione pubblica per lanciare una crociata contro i dipendenti pubblici (vedi anche scuola e molto presto sanità) per coprire le loro fantasiose manovre economiche e per estorcere soldi ai cittadini cercando di pescare nelle tasche delle fasce dove hanno minore consenso (per questo toccano gli insegnanti e i semplici dipendenti ma non toccano i dirigenti).
    @ Barra
    Mi spiace ma non sei correttamente informato.
    Tanto per chiarirti le idee, sappi che le visite fiscali nel mondo privato sono abbastanza ridotte, visto che chi le richiede deve anche pagarle. Inoltre gli orari previsti (per i privati) sono ancora oggi 10-12 e 17-19.
    Nel mondo pubblico le visite fiscali potevano essere richiesta qualora se ne ravvisasse la necessità (ergo se c’era il ragionevole dubbio che il dipendente stesse mentendo) da parte del direttore dei servizi amministrativi.
    La democratica legge di Brunetta costringe a richiedere le visite fiscali sempre (con notevole spreco di denaro; NOSTRO), per qualsiasi forma di malattia (comprese fratture, certificati del Pronto Soccorso et similia), anche per assenze di un giorno.
    Considera (attentamente) che anche se il medico fiscale viene a casa il primo giorno e decide di ridurmi i giorni di assenza al massimo può costringermi a riprendere servizio il giorno successivo, cioè esattamente quando sarei rientrato anche se il medico non si fosse presentato e senza far spendere soldi allo Stato (cioè a NOI).
    Inoltre, sempre perchè loro sono il Popolo delle Libertà Altrui, gli orari per le visite fiscali sono stati estesi: 8-13 e 14-20. Sono 11 ore… ti rendi conto di cosa vuol dire che per 11 ore non puoi neanche andare al bagno (a far cose impegnative) perchè altrimenti corri il rischio di non sentire il citofono se ti arriva il medico fiscale??
    Tra parentesi sta storia del “malattia=sempre a casa” è una minchiata… possibile che il nostro fantasmagorico ministro non si renda conto del fatto che se sono convalescente posso affrontare il rischioso compito di scendere a comprare il pane sotto casa (durata 10 minuti) ma magari potrei non essere in grado di venire in ufficio per 6/8 ore??
    Questa è la solita operazione di facciata: sporca, inutile ma venduta bene a tutti i pesci che abboccano all’amo solo perchè luccica e non si prendono il tempo di guardare cosa c’è dietro.

  34. Fabio

    @ aNoNiMo
    Non sto dicendo che non ci sono fannulloni, e neppure che non vadano puniti. Il discorso è che da almeno 15-20 anni il contratto già prevede per i dipendenti negligenti le seguenti possibilità:
    1) richiamo verbale;
    2) richiamo scritto;
    3) trattenuta dallo stipendio e/o sospensione dal servizio;
    4) licenziamento.
    Mai conosciuto un collega che avesse subito uno di questi provvedimenti oltre al richiamo verbale…
    Come vedi Brunetta non ha inventato nulla. Ha solo inasprito gli orari per la malattia e obbligato a chiedere all’ASL la visita di controllo, mentre fin’ora era a discrezione del dirigente, che decideva se richiederla o meno in base alla conoscenza del dipendente. Il guaio è che i dirigenti non la mandavano a nessuno, neppure a quei miei colleghi che erano malati tutti i lunedì (guarda caso). E comunque, rimanendo fermo il numero dei medici fiscali l’ASL non può far fare + visite di tanto, quindi… e se le facesse fare tutte tieni presente che una visita fiscale, che come ha detto qualcun’altro + sopra non serve ad altro che a verificare la presenza della persona in casa (un medico non va certo a contestare la diagnosi o la prognosi di un’altro medico) costa in media 80 euro, prova a moltiplicarlo per il numero delle visite da fare e poi dimmi quanto ci costa.
    Credimi, non sto difendendo i fannulloni, ma questi provvedimenti non servono assolutamente a nulla se non a sollevare un gran polverone per nascondere altre cose.

  35. biggio75

    Scusatemi… vorrei però far notare un’altra cosa… Ma è possibile che in Italia nessun giornalista chieda conto al politico di turno delle sue azioni? A questo qua così come a tutti i polici che vanno in TV dovrebbero chiedere delle pessime scele fatte da Berlusconi ogni volta che ha governato, oppure di come ha fatto la sua fortuna(vedi mafia), oppure dei suoi evidenti conflitti di interessi, o della sua bassa opinione delle donne, o di tante altre cose… invece? Dovrebbero chiede a Prodi delle sue non scelte politiche, dei suoi rapporti con le banche e con le coop, della sua innettitudine, dell suo governetto che ci ha condotto al baratro e a dover essere governati da un delinquente per altri 5 anni! Questi parlano di pasta e fagioli!!!! Svegliatevi!!!! Questi devono andare tutti a casa, dai fascisti di alleanza e lega ai comunisti di rifondazione!!! Voglio la classe politica spagnola!!!!

  36. iacalc

    Mi chiedo dove abbia trovato il tempo di applicarsi cosi alla pasta e fagioli..
    Ah ecco! Forse la parola “fannullone” implica proprio quest’abbondanza di tempo!

  37. aNoNiMo

    @Fabio
    si può discutere sull’efficacia di questi interventi, sicuramente non sono perfetti, ma bisogna ammettere che è il primo tentativo di contrastare questo fenomeno.
    è apprezzabile l’operazione trasparenza, l’idea di voler premiare chi produce di più ecc.. sono cose che in altri paesi europei si fanno e hanno dato risultati positivi.
    non sto parlando soltanto delle malattie (che comunque è bene mettere delle regole più aspre se non si vogliono vedere professori che si presentano a scuola 2 volte all’anno).
    io sono fermamente convinto che il problema non siano i lavoratori pubblici in se, ma il sistema di funzionamento della PA. i lavoratori non sono motivati, oppure sono invogliati a “barare” per via di alcuni buchi nel sistema. semplicemente è una struttura che non può funzionare.

  38. kandor

    Per mandare a casa i politici ci sono le elezioni, nazionali e locali.
    Se non sbaglio la prossima primavera c’e’ un’occasione..!
    D’altra parte, cosa dovrebbe temere chi fa onestamente il proprio lavoro ?

  39. tommi

    ..ho paura che ogni nazione abbia la classe politica che si merita..(chiamasi autolobotomia mediatica)
    @kandor
    Le elezioni non mandano a casa nessuno..li fan solo spostare alla sedia accanto..ahimè!

  40. LordKhain

    @ aNoNiMo
    Benissimo, ma il problema è proprio quello infatti!! Non si può più discutere dell’efficacia di questi interventi e non se ne è MAI potuto discutere perchè sono stati varati con un Decreto Legge, saltando a piè pari tutto il normale iter parlamentare, cioè appunto il “dibattimento”.
    Detto più semplicemente Brunetta e Berlusconi non ne hanno AFFATTO voluto discutere; gli serviva solo di sollevare un polverone rumoroso in fretta per coprire il lodo Alfano, il taglio dei finanziamenti all’editoria, il rinnovo dei contratti nel pubblico impiego, la modifica del modello contrattuale pubblico e privato ed altre cosucce “secondarie”…
    Tra l’altro mi pare evidente che il problema non siano i lavoratori pubblici, E’ il sistema e chi lo gestisce, cioè i DIRIGENTI.
    Comunque un’ultima domanda: come mai il mirabolante decreto per contrastare i fannulloni porta il nome di “Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria”?? Le presone che volessero perdere il loro tempo ad informarsi (invece di ascoltare le verità del giorno comodamente riassunte in 5 min dal TgCOM) potrebbero scoprire che quel decreto era collegato al reperimento di fondi per finanziare il taglio del ICI e la detassazione degli straordinari e conteneva (oltre ai 3 articoli che si applicano al pubblico impiego – tranne che ai militari, che si sa sono efficienti, percepiscono uno stipendio più che giustificato e votano a destra…) una lunga serie di tagli economici.
    A Berlusconi e a Brunetta non interessa proprio nulla della pubblica amministrazione, gli serviva solo il modo di far passare una TASSA di nascosto.
    E in molti hanno abboccato.

  41. Ciccio

    buahuahuahuahuahah, FELIPE!! Hai il blog impestato da FASCISTI!!
    Ti tocca dare una passata di FLIT! :)

  42. shydy

    Il controllo fiscale nel pubblico impiego dal primo giorno e anche per un solo giorno c’é sempre stato (ad una persona che conosco lo hanno mandato), solo che, almeno da quello che so, per i primi giorni (non so specificare quanti) il costo è a carico del datore di lavoro, mentre successivamente il costo è a carico dell’ INPS.
    Hanno cambiato le fascie orarie di controllo solo per il pubblico impiego (praticamente annullandole, visto che si ha solo 1 ora dalle 13 alle 14, diciamo una pausa pranzo, e la notte, per dormire), creando una disparità di trattamento tra lavoratori che, a mio avviso, è anticostituzionale.
    Ai lavoratori in malattia tolgono una parte dello stipendio sin dal primo gorno di malattia e fino al decimo (dove lavoro io dai 3,50 euro lordi fino a 8,50 euro lordi per ogni giorno di malattia, a seconda dell’anzianità di servizio e quindi dell’ammontare dello stipendio).
    Quindi se uno si ammala per 14 giorni, per i primi 10 giorni perde soldi e questo non una sola volta: cioè se si riammala per altri 15 giorni, sempre per i primi 10 giorni gli viene tolta una parte dello stipendio e così anche se si riammala per 3-4 giorni.
    I più penalizzati sono i lavoratori con maggiore anzianità di servizio, cioè quelli più avanti con l’età e, almeno in teoria, con maggiori probabilità di ammalarsi.
    Per il discorso che dopo la seconda malattia dell’anno, la terza doveva essere certificata da una ASL (o ospedale), c’è stata poi una rettifica che affermava più o meno che il medico curante, facendo parte del servizio sanitario nazionale era autorizzato a emettere tali certificati, per cui non è cambiato nulla rispetto al passato.
    Per me questo provvedimento è un sistema per togliere un altro pò di soldi alla gente e fare cassa (qualche euro quà, qualche euro là, per migliaia di lavoratori, fatevi due conti).

  43. jewelz

    Sono uno studente della facoltà di ingegneria dell’università di Pisa. Noi studenti, con i ricercatori ed il corpo docente, siamo in agitazione oramai da una settimana, a causa di questa orrenda legge 133 che taglierà le gambe all’università e alla ricerca. Ti chiedo, felipe, di dare visibilità al nostro sforzo per portare al’attenzione dei cittadini una legge che, nell’ignoranza generale, rischia veramente di minare il futuro di questo paese. Per informazioni, http://www.no133pisa.blogspot.com/

  44. overhill

    @Ciccio 44
    No, a quanto pare filtra anche qualche idiota che ama mettere etichette su tutto.
    Fai bene, così non ti sbagli troppo… peccato che la vita non abbia i sottotitoli, ti tornerebbero utili.

  45. Pippo

    OVERHILL, oltre che leghista….SEI PROPRIO UNA PIPPA!! (e fa anche rima col tuo cognome..ma LoL)
    non la prendere a male, io scherzo, se vuoi prendiamo un birra insieme.

  46. overhill

    A parte che non fa rima, perché l’accento va sulla prima “I”, se c’è qualcuno lontano dal mondo della Lega quello sono io, mi spiace :)
    Comunque la birra è sempre bene accetta ;)

  47. Skumpic

    @ LordKhain
    Guarda che forse ti sei perso gli ultimi 15 anni di storia italiana. L’approvazione di provvedimenti per decreto è ormai una “abitudine” italiana (nonostante numerosi richiami della Corte Cost.) fatta esclusivamente per ricompattare rissose maggioranze. Ed è un’abitudine bipartisan. Tra l’altro il precedente governo in quest’arte ha raggiunto picchi d’inventiva mai visti fino ad ora (nella recente finanziaria c’era un articolo con 44 commi che disponevano delle materie più varie -anche in materia di agriturismo!-. In parlamento si vota articolo per articolo, se ne fai uno dove c’e’ un pò di tutto, in modo che la sua approvazione interessi a tutta la rissosa maggioranza, sei sicuro che venga approvato).
    Quindi evitiamo stupide polemiche sul modo in cui vengono approvate le leggi in questo paese. Lo “fanno tutti” da sempre, se pensate che Berlusconi attenti alla Costituzione perchè ricorre ai Decreti allora siamo alla frutta…. :P

  48. shady

    lavorare tutti…. lavorare lentamente… con calma…. senza essere costretti a non ammalarsi per 2 anni perche’ malati di manie da produzione… che mondo alla rovescia. Il nuovo schiavismo e’ una corda invisibile che si chiama metodo produttivo. a mio avviso solo un miracolo potra’ salvarci dalla nostra stupidita’.

  49. io

    n. 51,
    siamo rismasti al “lo fanno tutti e lo faccio pure io” ????
    capisco che x questo governo l’etica è un oggetto misterioso da calpestare ad ogni occasione, ma con la maggioranza schiacciante che si ritrova ricorrere così frequentemente alla fiducia ed ai decretini mi sembra quanto meno indecente oltre che irriguardoso verso l’altra metà del paese che non li sopporta !

  50. Barra

    troppo da leggere e troppo da dire.
    Quello ceh mi interessa è il risultato. Panorama titola: assenteismo -45%. Dato falso? può essere. CMQ ho fatto un salto in un ufficio comunale x una DIA che miha fatto perdere un sacco di soldi e che probabilmente mi farà finire in tribunale (perchè QUALCUNO IN COMUNE SI È PERSO I MIEI DOCUMENTI E NESSUNO MI VUOLE DIRE CHI MI HA FIRMATO LA RICEVUTA DI RITIRO). Ho concluso + nell’ultima settimana che nei 2 ammi precedenti. Caso? all’ufficio anagrafe di Modena ora ci sono + persone a banco a lavorare che in attesa. In passato ricordo di aver avuto qualcosa come 100persone prima di me in fila! Roba che ho preso il numero, sono andato da un cliente, ho recuperato dei dati da un win2000server che era messo maluccio (e che è poi morto dopo una settimana) sono tornato convinto di aver perso il turno. Mi sbagliavo, ho fatto ancora 20minuti di fila.
    Dire che dovrebbero sistemarsi prima loro è ridicolo. Chi lo farebbe? Se mi danno una poltrona comoda, 1 sacco di soldi, tanti privilegi perchè rinunciare? Al massimo dico: mi tengo tutto e lavoro come si deve!
    Non voglio entrare nei meriti di questo governo perchè IMHO la maggior parte dei commenti sono dettati da ideologie o preconcetti nei confronti della politica. Dico solo che nonostante tutto preferisco il Berlusca a quel figlio di XXXXXX di Bush. Uno canta canzonette, paga tangenti e fa qualche manetta strana nei bilaci delle proprie aziende (LOL x mafia e spaccio di droga, Berlusconi è uno che certamente non vuole nemici tra i mafiosi, ma da qui a dire che ha collaborato ad alcune stragi ce ne vuole…), l’altro lancia bombe su afganistan, iraq ecc x gli interessi delle industrie di famiglia! Meglio chi paga tangenti o chi le chiede?

  51. Skumpic

    n. 54
    Ti sei perso gli ultimi 30 anni di storia d’Italia. Non sprechiamoci nemmeno il fiato perchè forse non sai nemmeno cosa sia un decreto legge. Forse ti sfugge che da quando abbiamo questo fiore di repubblica l’80% di quello che tu chiami leggi in realtà sono decreti leggi convertiti dal parlamento.
    Ti lascio alle tue convinzioni, ma non dare troppo peso a chi urla all’attentato costituzionale ad ogni piè sospinto dimenticandosi di quello faceva fino a 9 mesi fa.

  52. tosky

    @Skumpic
    Convertire decreti è una cosa, convertirli a colpi di fiducia è un’altra.
    E perché lo si dovrebbe fare se si ha una maggioranza _schiacciante_ (che nove mesi fa non c’era, quindi la situazione era un attimino diversa)? Per tapparsi le orecchie? Sicuro che “il tasso di uso della fiducia” sia rimasto invariato?

  53. Skumpic

    @Tosky
    Un decreto per essere convertito in legge non deve cambiare di una virgola, altrimenti perde efficacia retroattivamente dall’inizio. E si crea un “vuoto legislativo” mica da ridere (pensa a tutti i rapporti nati e regolati sotto la vigenza del decreto legge ai quali non si saprebbe che disciplina applicare) visto che in Italia si abusa tranquillamente del decreto per regolare le materie più disparate (perfino il ministero dei beni culturali è stato creato con decreto convertito). I problemi più grossi sono ovviamente in ambito penale (ultimo esempio il cosidetto “pacchetto sicurezza”).
    Non vedo il legame tra ricorso alla fiducia e numero di eletti in parlamento. Se parliamo dei contenuti del provvedimento il parlamento è “spogliato” della sua funzione legislativa/consultiva/migliorativa in un caso e nell’altro (sia che io abbia 100 parlamentari di scarto sia che io ne abbia 2). Quindi se per te ricorrere alla fiducia significa “tapparsi le orecchie” a rigor di logica lo è in entrambi i casi (salvo non si parta dal presupposto che solo un ala del parlamento vuole il bene del paese e l’altra non potrebbe che peggiorare il provvedimento).
    Io non ci vedo alcuna differenza, e se vi è è cosi sottile che non riesco a notarla (se tu la vedi non esitare a farmela presente).
    Per tasso d’uso della fiducia non capisco cosa intendi. Forse il ricorso allo strumento del voto di fiducia. Beh, tu sei sicuro sia variato? E comunque esistono regolamenti parlamentari che ne disciplinano il ricorso e l’ammissibilità (sempre ovviamente che non sia solo un’ala del parlamento a poterne far ricorso).
    Dal mio modesto punto di vista è molto peggio approvare un articolo di legge completamente eterogeneo per rinsaldare la maggioranza (un modo velato di mettere la fiducia se vogliamo). Diventa di difficile consultazione e reperimento (ex. tutta la materia è regolata da un testo unico novellato da 30 commi sparsi di qui e di la).
    Continuo a non capire dove sia l’attentato alla Cost., e se vi è, non capisco come mai il vostro spirito “costituzionalista” si sia risvegliato solo ora (sono almeno 20-30 anni che “funziona cosi”, e negli ultimi 15 se ne abusa). Sta cosa mi ricorda tanto le bandiere della pace :)

  54. tosky

    @
    Un decreto può essere convertito con emendamenti, non deve necessariamente essere approvato acriticamente; ed anche se non venisse convertito, “le Camere possono tuttavia regolare con legge i rapporti giuridici sorti sulla base dei decreti non convertiti.”.
    Perché non discuterne, allora?
    > (salvo non si parta dal presupposto che solo un ala del parlamento
    > vuole il bene del paese e l’altra non potrebbe che peggiorare il
    > provvedimento).
    Al contrario: sembra che, avendo la maggioranza, non si riponga sufficiente fiducia nei propri parlamentari di rileggere e migliorare quanto proposto dal governo. Sicuramente non lo stravolgeranno, visto che la compattezza dimostrata è maggiore di legislature precedenti. O no?
    Prendiamo i numeri? Dal motore del sito della camera (http://www.camera.it/docesta/306/1555/listatitoli.asp) si ricavano alcuni dati, che riporto di seguito
    Prima colonna: numero legislatura;
    Seconda colonna: anno
    Terza colonna: totale leggi approvate;
    Quarta colonna: leggi che recepiscono accordi internazionali o direttive europee.
    Quinta colonna: leggi ottenute come conversione di decreti (sia con modifiche che senza)
    Sesta colonna: percentuale di leggi ottenute come conversione di decreti sul totale
    Settima colonna: percentuale di altre leggi discusse (senza i trattati e i decreti)
    “XVI”;2008;17;4;12;70,59;5,88
    “XV”;2008;26;21;3;11,54;7,69
    “XV”;2007;56;21;16;28,57;33,93
    “XV”;2006;23;0;13;56,52;43,48
    “XIV”;2006;75;47;12;16;21,33
    “XIV”;2005;105;33;32;30,48;38,1
    “XIV”;2004;119;46;43;36,13;25,21
    “XIV”;2003;147;70;36;24,49;27,89
    “XIV”;2002;99;31;43;43,43;25,25
    “XIV”;2001;48;3;35;72,92;20,83
    “XIII”;2001;69;16;14;20,29;56,52
    “XIII”;2000;109;40;25;22,94;40,37
    “XIII”;1999;160;77;33;20,63;31,25
    “XIII”;1998;135;68;20;14,81;34,81
    “XIII”;1997;141;72;32;22,7;26,24
    “XIII”;1996;68;6;47;69,12;22,06
    Certo, si dovrebbe poi controllare nel merito l’urgenza effettiva dei decreti (per misure legate a situazioni contingenti), però comunque è preoccupante la prima riga… la percentuale potrebbe migliorare durante l’anno, ma l’andamento sembra chiaro.
    Non ho trovato i dati ufficiali sui voti di fiducia, ma non dispero.

  55. io

    n.58,
    i soliti giri di parole x nascondersi dietro ad un dito.
    sfacciatamente di parte al punto da negare l’evidenza.
    sb ha (ahinoi) una maggioranza schiacciante x cui l’impiego del decretino in quasti casi è solo ed esclusivamente applicazione in politica di quell’arroganza personale che contraddistingue il premier e tutto il suo codazzo di lecchini …
    te l’ho detto io, lo notano pure altri, ma fai finta di non capire (cosa che è tua caratteristica visto che non è la prima volta che interloquiamo in merito a vicende politiche);
    questo non è come quasi tutti gli altri governi passati, è solido, stabile, ha una maggioranza schiacciante… eppure … fiducie, decretini, sec me la paura è che discutendo le singole leggi emergano certe divisioni artatamente sopite nella maggioranza – e li sai i fuochi d’artificio – …
    (… vedi la inutile lega, ribelle da poltrona che tu, che sei pure originario del sud – salerno se nn ricordo male – sostieni candidamente, che se x un motivo qualsiasi ritirasse la propria fiducia …).
    anche questa tua tendenza aggressiva alla mala educazione nelle risposte la ricordo bene …
    potrei fare anche di peggio, ma non sono leghista !
    PS: contento che a robertino libertino fanno rifare l’esamino di riparazione ?!?!

  56. Skumpic

    @59
    “le Camere possono tuttavia regolare con legge i rapporti giuridici sorti sulla base dei decreti non convertiti.”. Verissimo è spesso ci vogliono anni. Perchè i rapporti vanno regolati con legge ordinaria e se la maggioranza non è riuscita a convertire un decreto legge e ancora più difficile che riesca a “mettersi d’accordo” per “regolare i rapporti che sono sorti” con legge ordinaria.Intanto tu però vivi nel limbo dell’incertezza giuridica. Dal momento che spessissimo si ricorre al decreto legge anche in materia penale concorderai che non è una situazione “auspicabile”.
    Situazione molto simile per i decreti emendati.
    La discussione la si potrebbe fare se maggioranza ed opposizione parlassero dei contenuti. Invece la norma degli emendamenti (indipendentemente da chi sta al governo) è pura “arte dell’inutile”. Ad esempio ho seguito l’approvazione della Bossi-Fini perchè facevo “pratica” in una acli e il 90% degli emendamenti erano sostituzioni di parole con sinonimi, virgole e periodi capovolti… I lavori parlamentari sono pubblici ed online te ne puoi rendere conto da solo.
    In questa logica di “immaturità” non mi scandalizza il ricorso al decreto, tant’e’ vero che anche i tuoi dati riportano a cavallo degli anni 98-01 diversi “governi balneari” (tra crisi, consultazioni, formazione del governo, insediamento, fiducia, vacanze parlamentari saranno durati si e no 6 mesi) che in pochissimo tempo hanno ricorso al decreto in maniera molto più massiccia dell’attuale governo e senza che nessuno urlasse all’attentato costituzionale.

  57. Skumpic

    @60
    La logica secondo la quale un individuo solo perchè originario del salernitano non possa condividere idee e proposte di una persona originaria del bergamasco o del varesotto la dice tutta sul “livello” della discussione che potrei avere con te.
    Ad ogni modo se fossi vagamente interessato alla mia opinione (dal momento che al @60 parli solo di me, non che queste tue attenzioni non mi onorino sia ben inteso!!!) la trovi espressa al @61
    Comunque sappi che trovo originale la tua (sottintesa) teoria secondo la quale il ricorso al decreto sarebbe giustificabile solo in presenza di “numeri parlamentari” risicati, senza entrare nel merito di quello che si va a votare (evidentemente un rumoroso Mastella è più inaffidabile di un arteriosclerotico Bossi).Ed io che credevo che la Costituzione richiedesse i presupposti della “necessità ed urgenza”. Devo tornare a ripassare…..
    Questo è un governo di coalizione come tutti gli altri della storia d’Italia.La stabilità e solidità della coalizione è tutta da vedere, ma forse è più comodo pensare al “golpe” e al “colpo di stato” qualunque sia la proposta avanzata.
    Certo, dal momento che l’attuale coalizione non va dalle Alpi ai Pirenei (da Pannella a Rizzo, passando per la Binetti, Pecoraro Scanio, Rutelli, Mastella…) personalmente nutro qualche speranzuola che almeno un paio di anni duri.
    Chiudo qui, con te “guardiano della Costituzione” posso tornare a dormire sonni tranquilli.

  58. Skumpic

    Caspita quanti errori di “itagliano” che ho fatto……:P
    Analfabeta oltre che arrogante :)

  59. io

    n. 62,

    poi quando hai un po’ di tempo mi spieghi come hai fatto da due osservazioni due che ho fatto a tirar fuori un compendio sulle mie idee in merito all’argomento in discussione con tanto di teorie bislacche …
    inoltre rispondo a te in quanto l’unico che “conosco” e con cui ho già interloquito.
    già la prima volta ti ho fatto scendere a più miti consigli e ti ho fatto perdere questa francamente odiosa spocchia che ti ritrovi e che ti fa credere di parlare da una sorta di pulpito a noi poveracci che della vita non abbiamo capito un ca**o mentre tu detieni la verità su tutto lo scibile umano.
    ma l’altra volta avevo tempo e voglia, questa volta meno.
    pazienza.
    ps: secondo me uno che proviene dal sud e vota e (cosa più grave) sostiene ideologicamente la rozza lega è come uno che si spara sulle p*lle per passare il tempo e lo consiglia pure agli amici.
    salutami la padania.
    PPS: mi piacerebbe conoscere la tua opinione (e quella di felipe, che se non erro è insegnante) sul metodo di approvazione della (contro) riforma gelmini;
    la fiducia x il maestro unico ecc … se questo non è abuso di potere …
    PPS: tu che sai tutto saprai anche che nella riforma gelmini (uso questo nome x capirci, xchè sec me mariastellag non sa nemmeno di cosa si parli) è stato cancellato un emendamento che prevedeva lo spostamento dei docenti da una provincia all’altra, su espressa richiesta della lega che addirittura aveva minacciato il ritiro della fiducia !!!!
    perchè??
    per evitare che gli insegnanti del sud potessero contaminare il puro nord; mettono a rischio la stabilità x questo !!! questi sono peggio della I repubblica !!!!
    PPPS: gli errori li hai commessi ma nella sostanza non nella forma

  60. tosky

    > tant’e’ vero che anche i tuoi dati riportano a cavallo degli anni 98-01
    >diversi “governi balneari” (tra crisi, consultazioni, formazione del
    > governo, insediamento, fiducia, vacanze parlamentari saranno durati si
    > e no 6 mesi)
    Non hai letto i dati, allora.
    La XIII legislatura vede 4 governi (Prodi I, 2 anni; D’Alema I e D’Alema II, complessivamente 1 anno e mezzo; Amato II, 1 anno) e l’unico picco è al primo governo, ma con un tasso di altre leggi approvate più alto dell’attuale. Per gli altri anni il tasso di decreti convertiti è sotto il 23%.
    La XIV legislatura vede 2 governi (Berlusconi II e Berlusconi III), 5 anni. Solida maggioranza, picco iniziale, percentuale un po’ superiore alle precedenti, ci può stare.
    XV legislatura, governo Prodi II, 1 anno mezzo abbondante, maggioranza risicata e tasso di decreti convertiti comunque più basso del precedente. Il picco iniziale è meno pronunciato.
    XVI legislatura… quante leggi che non sono decreti o recepimento di accordi internazionali sono state approvate dal parlamento, nonostante la maggioranza schiacciante? Mhh… mmhh…

  61. Spazz

    Cavoli, a leggere questi commenti sembra quasi che:
    1) i fannulloni non esistono
    2) i malati immaginari non esistono
    3) la PA amministrazione funziona a meraviglia
    Eppure basta andare in un ufficio pubblico per constatarne quotidianamente l’efficienza…
    I casi qui sono due: o vivete in un Paese diverso da quello in cui vivo io, oppure l’avversione per questa o quella parte politica vi ottunde il cervello, tanto dal negare l’evidenza.

  62. LordKhain

    @ Skumpic (51 e oltre)
    Perdonami ma temo tu abbia frainteso completamente il mio precedente intervento (che pure sembra aver dato inizio ad un interessante confronto sugli iter parlamentari degli ultimi anni).
    Non ho detto che il ricorso al decreto legge sia sbagliato “di per se” o che non sia pratica in uso comune nella nostra Repubblica o che sia stato inventato dal centro-destra, ma ho risposto ad AnoNiMo (40) dicendo che se si fosse voluti entrare nel merito del dibattito per stabilire se le misure contenute nel “decreto Brunetta” fossero valide non si sarebbe certo ricorsi alla sua approvazione forzata tramite decreto legge.
    Questa scelta non solo impedisce all’opposizione di partecipare al dibattimento, ma nei fatti lo impedisce anche agli altri parlamentari dello stesso schieramento, i quali devono esprimersi in blocco unico su tutto il decreto.
    Non sono in disaccordo con questa legge per le sue modalità di approvazione, ma per i suoi contenuti. Le misure previste in essa sono inefficaci, indemocratiche, e vessatorie nei confronti di tutti i lavoratori del pubblico impiego, e come ho già avuto modo di mostrare in precedenza non possono che favorire i soliti furbi con le loro clientele e finiranno col colpire solo le persone che non lo meritano, con l’unico effetto di demoralizzare anche le persone più produttive (e piantatela di dire minchiate, ci sono e ce ne sono molte).
    @ Spazz
    Basta andare in un ufficio pubblico per vedere come i dirigenti sono del tutto inadeguati ed incapaci di garantire che il pubblico abbia il miglior servizio possibile.
    Quello che ottunde il cervello a te è la (solita e pericolosa) foga di addossare le colpe alle categorie sociali meno difese.
    Secondo te se un supermercato non incassa e non guadagna chi cacciano?? Beh, dalle mie parti ho visto cacciare i Direttori… non certo gli impiegati.

  63. Skumpic

    @69 -Tosky-
    I dati li ho letti. La tua preoccupazione può essere legittima, ma discorsi del genere andrebbero affrontati non prima di Marzo-Aprile, farlo ora è fuori luogo. Con il bicameralismo perfetto una legge ordinaria “approvata al volo” (senza seconde letture ed emendamenti) difficilmente vede la luce prima di 6 mesi. Il governo attuale è entrato nel pieno delle sue funzioni a Giugno (se non ricordo male), ora siamo ad Ottobre (con la pausa estiva di mezzo). Parlare di “scempio del Parlamento” mi pare fuori luogo: si fece molta fatica anche ad approvvare il “pacchetto sicurezza” (che era un decreto) prima delle vacanze. A mio modo di vedere quella percentuale è ampiamente giustificata, non ci sono stati i “tempi tecnici” per approvare leggi ordinarie.
    Tra l’altro anche tu hi riconosciuto che il precedente governo di destra con una maggioranza molto più litigiosa (dato che Casini e Bossi “litigavano” un giorno si è l’altro pure) ha “rispettato la media” dei precedenti governi. Insomma io non vedo alcun attentato ne al Parlamento ne alla Costituzione.
    @71
    Chiarissimo, il problema (bipartisan) è che finchè non si parla dei contenuti (ma ci si limita ad emendamenti di “facciata” che spostano commi, virgole, sinonimi…) il dibattimento parlamentare che ne può scaturire non può che essere molto avvilente.Se questo è il grado di “maturità” della nostra classe politica allora ben vengano decreti e fiducie (non trovo ammissibile che si torni indietro agli anni 80-90 quando non si riusciva nemmeno ad approvare la manovra finanziaria entro dicembre)

  64. Skumpic

    @65
    >ps: secondo me uno che proviene dal sud e vota e (cosa più grave) sostiene ideologicamente la >rozza lega è come uno che si spara sulle p*lle per passare il tempo e lo consiglia pure agli amici.
    >
    >salutami la padania.
    >la fiducia x il maestro unico ecc … se questo non è abuso di potere …
    >per evitare che gli insegnanti del sud potessero contaminare il puro nord; mettono a rischio la >stabilità x questo !!! questi sono peggio della I repubblica !!!!
    Sarei io quello che la spocchia? Secondo te un’intervento del genere merita una qualunque forma di risposta?? La prossima volta fammi un piacere: ignora i miei commenti o per lo meno conta fino a 5 prima di consumare inutilmente la tua tastiera.Non mi serve salire sul pulpito per confrontarmi con persone della tua levatura, basta che io resti in piedi o comodamente seduto.

  65. io (quello vero non il n. 71 che plaude alle fesserie)

    n. 74,
    mi pare proprio che il tono insultante (proprio sul piano personale nei miei confronti) della tua risposta insieme alle altre che non ho il tempo (come te) di riportare punto per punto rappresentano la migliore risposta che io possa dare.
    rileggi i tuoi post invece dei miei e vediamo chi è il bimbo capriccioso che la vuole vinta nonostante gli sbattano in faccia i numeri dei decretini forzatamente approvati dal governo nonostante esista un parlamento, alla faccia dalla metà della nazione che non sopporta il proprietario di mediaset ed il suo circo dei finti miracoli.
    Saluti alla grana-padania (… questa è ironica – ‘azz … devo pure spiegarglielo … )
    PS: colgo l’occasione x congratularmi con il n. 72 con il quale sono xfettamente d’accordo tranne riguardo al giudizio in merito alle modalità di approvazione per decreto che (vada x argomenti tecnici o cmq meno invasivi nella realtà quotidiana della popolazione) quando interessano una larghissima fetta dei cittadini assumono il sapore di una imposizione o meglio una “vendetta” verso chi non ha votato la maggioranza, svuotando in tal modo il senso stesso di partecipazione democratica della popolazione tutta alla cosa pubblica; che questo governo ne faccia un abuso mi pare francamente indiscutibile, come anche si evince dai numeri proposti in precedenza, abuso particolarmente odioso anche perchè certe scelte approvate a colpi di fiducia e decretini non sono state digerite neppure da moltissimi elettori di cdx (e qui in sicilia ce ne sono) per cui il governo manca loro di rispetto ed esautora della possibilità (seppur indiretta) di dire la propria anche questa non indifferente fetta del proprio elettorato.
    il tutto sotto lo sguardo interessatamente complice degli egoisti razzisti col portafogli gonfio che se potessero spezzerebbero all’istante l’italia in due solo per i soldi.

  66. Skumpic

    @A chi ama le cifre….e sbattere in faccia i numeri dei decretini…..
    Durante la scorsa legislatura, nei primi 365 giorni (2006-2007) del governo Prodi, furono approvate in Parlamento 36 leggi: 22 di queste, cioè il 61%, erano conversioni di decreti legge fatti dal governo.
    Allora avete levato il vostro grido di allarme???
    Oggi siamo al 70% senza che vi sia stato il “tempo tecnico” per l’approvazione di leggi ordinarie. Nei famosi “primi 100 giorni” si è sempre concentrata l’attività “decretativa”. Quindi certi discorsi torniamo a farli più avanti.

  67. Skumpic

    Ed il tutto risparmiandoti simpatiche battute ironiche sull’Italia spezzata in 2 (quanti erano i senatori di scarto? 3-4-5??), sull’abuso di potere (che evidentemente non sai cosa sia), sulla grana-padania, sul povero sud lasciato a se stesso, carrozze, carrozzine, mortadelle, caimani, sull’esistenza di un parlamento esautorato…..Ecc ecc.
    Evidentemente la legislatura scorsa avevi altro da fare per renderti conto che i decreti legge li hanno sempre approvati tutti per le materie più varie.

  68. Barra

    La cosa che + da forza alle scelte e all’operato di questo governo sono le lamentele senza senso di tutti detrattori del governo stesso. i numeri riportati al @76 dimostrano come gli attacchi spesso inventando fatti.
    Mi sembra di sentire certi interisti che non sono interessati alla Champions league e denigrano il Milan perchè è qualche anno che non vince uno scudetto!
    Io mi sono preso la briga di leggere parte della riforma della scuola pubblica, in particolare quella che da consente la trasformazione dell’università pubblica in una FONDAZIONE privata, finanziata dallo stato e dai privati, con obbligo di presentare bilancio. La norma è incompleta e va certamente definita meglio in alcune sue parti ma è IMHO interessante. Parlando con chi già inneggiava agli scioperi è saltato fuori che c’è la possibilità che la scuola potesse diventare più costosa se I 3 ORGANI PREDISPOSTI AL CONTROLLO non avessero fatto bene il loro compito, c’è la possibilità che le università che non diventano fondazioni si ritrovino ad essere strutture di serie b, c’è la possibilità che le aziende “sponsor” possano imporre scelte in cambio di contributi. Allora visto che le cose potrebbero anche andare male meglio non toccare nulla e tenerci quello schifo che abbiamo ora! E quando ho ribattuto: perchè non provare a chiedere chiarimenti e garanzie sui controlli? la risposta è stata un cambiare argomento!
    Non sono ne a favore ne conto questo governo ma certamente sono contro personaggi che sono al governo e scioperano contro il governo stesso (verdi? rifondazione? di pietro?). Queste persone non hanno la minima idea di cosa significhi LAVORARE e non hanno il minimo rispetto x chi gli ha dato il voto.

  69. Spazz

    @LordKhain: ma di che foga parli? E che c’entra il supermercato con i servizi pubblici? Il servizio pubblico non è lì per fare incassi, è lì per servire il pubblico (pagante) come dice il nome. Cosa che NON FA.
    Se vai in Posta e c’è un solo sportello aperto, una coda di 50 persone, e “dietro le quinte” vedi i dipendenti che dovrebbero stare allo sportello e invece sono lì che chiacchierano tra loro, la chiami efficienza? Eppure è questo che avviene.
    Poi possiamo sempre addossare la colpa a qualcun altro, per carità (per te la colpa è del direttore dell’ufficio, per il quale invece la colpa è del direttore regionale, per il quale invece la colpa sarà del Ministero, per il quale la colpa sarà di Gesù Cristo), ma rimane il fatto che la PA è assolutamente inefficiente, e chi sostiene il contrario forse vive in Svizzera…
    Se l’assenteismo sale a livelli vertiginosi quando ci sono le partite dell’Italia, è colpa dei dirigenti? Ma se poi appena i dirigenti cercano di ridurre il fenomeno partono gli scioperi, oppure si attacca la solfa del padrone schiavista, fascista e fiorista?
    LE COLPE NON STANNO MAI DA UNA PARTE SOLA, e se soltanto tutti facessero META’ del proprio dovere (e quando dico tutti, intendo proprio tutti), questo paese sarebbe molto, ma molto, ma MOLTO migliore. Ma qui vige la regola del “comincia tu”. E le cose van sempre peggio.

  70. Spazz

    @Barra: la battuta sugli interisti potevi evitarla, visto che se c’è qualcuno che è stato preso per i fondelli per anni (nonostate quello che poi s’è scoperto) sono stati proprio i nerazzurri. Semmai sono i milanisti che quando non giocano per il vertice vengono a dire che “lo scudetto è una competizione minore”…

  71. Barra

    Era una battuta, nulla più. Mi è capitato di sentire spesso “amici” interisti sfottere il Milan la finale persa in champions e crogiolarsi con il loro scudetto, senza fare 2 conti in tasca (il ritorno economico della sola finale di champions vale ben + di tutto il campionato).
    Gli interisti quando non vincevano erano simpatici, e le barzellette sugli interisti erano quasi ai livelli di quelle sui carabinieri! Sull’essere presi x i fondelli non so, ma leggendo sembra che l’inter non fosse poi così casta e pulita. Sembra quasi che chi ha indagato non abbia voluto colpire chi di disgrazie ne aveva già avute a volontà!

  72. io

    si, si, celebrate un governo autoritario, controriformatore, ottuso, clericale e razzista.
    scivolerete anche voi anestetizzati dalla tv in un’intolleranza di maniera, dolce e pervasiva senza nemmeno accorgervene.
    http://www.corriere.it/cronache/08_ottobre_15/stranieri_classi_separate_benedetti_792ff016-9a7c-11dd-8bde-00144f02aabc.shtml
    n. 77,
    passata la luna di miele mediatica appena i cittadini si sveglieranno e si ritroveranno con molti diritti in meno, senza soldi, ancora con la spazzatura sotto casa e, temo, con un faraonico ponte sullo stretto che unisce due mulattiere, vedremo cosa succederà. come accadde nel xiodo 2001-2006.
    e prima che tu risponda con la solita menata del governo solido e duraturo, ti ricordo che i governi di cdx durano xchè hanno un obiettivo comune che li fa andare avanti (tranne an forse che resiste per atavica sete di poltrone): devastare l’italia (lega) devastare la giustizia (indovina chi?).
    adesso puoi tornare a fare le ronde.

  73. Barra

    @82
    Perfetta dimostrazione di quanto dicevo prima! Parlare (o sparlare) a prescindere. Senza riconoscere meriti quando ci sono (Napoli?) senza sapere (letto nulla sul progetto sul ponte? Parlare di impatto ambientale mi sta bene ma denigrare le 2 “mulattiere” quando ci sono programmi ben definiti e che saranno realizzati visto che GLI IMPRENDITORI CHE INVESTONO NEL PROGETTO AVRANNO I SOLDI DEL PEDAGGIO) http://www.astrid-online.it/–le-infra/Studi–ric/BRAMBILLA-Legge-Obiett-costi-ponte.pdf Penso che questo doc sia ormai vecchio ma da un’idea di come cambierebbe la viabilità da quelle parti.

  74. io

    n. 83,
    “Perfetta dimostrazione di quanto dicevo prima! Parlare (o sparlare) a prescindere. ”
    la stessa cosa si può dire di chi loda a prescindere con l’aggravante della piaggeria e dell’inerzia mentale.
    inoltre:
    sei campano?
    sei siciliano ?
    ti posso assicurare che
    A) bazzico molti forum, anche di matrice non politica, a tempo perso e moltissimi ragazzi di napoli o cmq campani parlano di spazzatura ancora accumulata sotto casa (soprattutto nelle periferie del capoluogo) e per le campagne, come anche qui nella forzissima sicilia.
    Ora se fosse vero come dici che è tutto ripulito e lindo, xchè non ci sono servizi di tg e reportages che facciano vedere estensivamente tutta questa pulizia ??? forse perchè c’è poco da mostrare di pulito?
    B) io sono della prov di agrigento, x arrivare a messina impiego in treno tre orette abbondatissime, due e mezza in auto. tre ore e mezza per arrivare a marsala, addirittura per arrivare a trapani conviene da nord da palermo perchè almeno è autostrada anche se poi si perde un’ora abbondantissima per attraversare la città (xchè non esiste una vera tangenziale !!!); quando vado al centro-nord prendo l’aereo o la nave x napoli o genova con auto al seguito come suppongo buona parte dei siciliani, o pensi che arriviamo a milano in auto da reggio calabria ?? i turisti arrivano in aereo e/o treno, o pensi che ad es i tedeschi arrivino da berlino in trabant ???
    ti semplifico il discorso: in sicilia, in particolare in certe province tipo AG, RG, CL, EN, mancano le infrastrutture elementari per garantire mobilità ai cittadini, e si pensa iirazionalmente a costruire un ponte (tra l’altro come notavi tu ad elevatissimo impatto ambientale, nonchè a rischio mafie, nonchè a rischio terremoti catastrofici) per le manie di grandezza di un capetto di partito liftato e trapiantato ??
    inoltre anche attraversando il ponte, hai idea di cosa sia la SA-RC ??? o la stessa ferrovia RC-NA? io le ho fatte e ti assicuro che ci vuole fegato.
    mi fa piacere vedere il tuo ottimismo, ma mi dispiae che sia sprecato per le cose inutili.

  75. io

    n. 83,
    “Perfetta dimostrazione di quanto dicevo prima! Parlare (o sparlare) a prescindere. ”
    la stessa cosa si può dire di chi loda a prescindere con l’aggravante della piaggeria e dell’inerzia mentale.
    inoltre:
    sei campano?
    sei siciliano ?
    ti posso assicurare che
    A) bazzico molti forum, anche di matrice non politica, a tempo perso e moltissimi ragazzi di napoli o cmq campani parlano di spazzatura ancora accumulata sotto casa (soprattutto nelle periferie del capoluogo) e per le campagne, come anche qui nella forzissima sicilia.
    Ora se fosse vero come dici che è tutto ripulito e lindo, xchè non ci sono servizi di tg e reportages che facciano vedere estensivamente tutta questa pulizia ??? forse perchè c’è poco da mostrare di pulito?
    B) io sono della prov di agrigento, x arrivare a messina impiego in treno tre orette abbondatissime, due e mezza in auto. tre ore e mezza per arrivare a marsala, addirittura per arrivare a trapani conviene da nord da palermo perchè almeno è autostrada anche se poi si perde un’ora abbondantissima per attraversare la città (xchè non esiste una vera tangenziale !!!); quando vado al centro-nord prendo l’aereo o la nave x napoli o genova con auto al seguito come suppongo buona parte dei siciliani, o pensi che arriviamo a milano in auto da reggio calabria ?? i turisti arrivano in aereo e/o treno, o pensi che ad es i tedeschi arrivino da berlino in trabant ???
    ti semplifico il discorso: in sicilia, in particolare in certe province tipo AG, RG, CL, EN, mancano le infrastrutture elementari per garantire mobilità ai cittadini, e si pensa iirazionalmente a costruire un ponte (tra l’altro come notavi tu ad elevatissimo impatto ambientale, nonchè a rischio mafie, nonchè a rischio terremoti catastrofici) per le manie di grandezza di un capetto di partito liftato e trapiantato ??
    inoltre anche attraversando il ponte, hai idea di cosa sia la SA-RC ??? o la stessa ferrovia RC-NA? io le ho fatte e ti assicuro che ci vuole fegato.
    mi fa piacere vedere il tuo ottimismo, ma mi dispiace che sia sprecato per le cose inutili.

  76. LordKhain

    @ 79 Spazz
    Scusami ma il discorso qualunquista “spartiamo le colpe tra tutti” non sta neanche lontanamente in piedi: la differenza tra un impiegato ed un dirigente è ESATTAMENTE questa! L’impiegato svolge il suo lavoro (bene o male, naturalmente), il dirigente si assume l’onere (e gli onori, visti gli stipendi) della RESPONSABILITA’ della gestione dell’ufficio.
    Quello che non funziona in tutta questa storia è che non è affatto normale che “la gente” si faccia giustizia da sola (o pensi di poterlo fare), ed è un vero schifo che un Governo (dunque una istituzione democratica) cerchi di cavalcare l’onda di questo sentimento per guadagnarne consensi e un tacito placet per l’approvazione di una lunga serie di leggi-porcata.
    Cosa diavolo li paghi a fare dei responsabili e dei dirigenti se poi ritieni che l’organizzazione del lavoro e la qualità dei servizi offerti da un ufficio debba ricadere sugli impiegati??
    E’ una contraddizione in termini e uno spreco di soldi. Mi dispiace, ma gli uffici non sono dei collettivi autogestiti.

  77. Barra

    @84
    Ti sembra che abbia lodato a prescindere il governo berlusconi? ho letto il testo della riforma della scuola, oh letto quel documento allegato nel @83. Questo per poter parlare con persone che si lamentavano delle e questioni. Risultato: si lamentavano senza nemmeno saperne il motivo!
    Almeno qui a Modena il problema del ponte non è molto sentito ma quando c’è da scioperare gli ex compagni/verdi (che ora hanno Di Pietro come simbolo e leader) sono sempre pronti. Poi però prendi queste persone una per volta, gli parli, gli chiedi cosa c’è che non va nella riforma della scuola e sai qual’è la risposta? Parlano di licenziamento di insegnanti (cosa non vera visto che il personale diminuirà non reitegrando il personale che andrà in pensione), la privatizzazione delle università che aumenterà a dismisura i costi (le università non diventeranno private ma POTRANNO diventare fondazioni, senza scopo di lucro, che oltre a ricevere fondi statali avranno accesso a donazioni da parte di aziende e verranno forniti dallo stato gli strumenti per poter collaborare al meglio con le aziende nel campo della ricerca). Quando ho fatto questi appunti la risposta è sempre stata: Berlusconi cmq fa schifo perchè ha pagato tangenti, ha spacciato droga e collabora con la mafia.
    A- Ho letto anche io questi forum e certamente il problema spazzatura non è sistemato definitivamente. Però non si può certo dire che l’operato del governo sia stato inutile. Entro pochi mesi verranno completo i lavori discariche e inceneritori che erano stati bloccati da magistrati, sindaci (fatelo dove volete ma non dove mi votano), singoli cittadini (con il diritto di inquinare quanto gli pare che tanto lo stato sistema tutto lontano da me). CMQ ho parenti da quelle parti (napoli e torre del greco), vari amici e mi assicurano che quelle zone non erano così pulite da anni.
    B- Il progetto del ponte (che ho riportato sopra ed evidentemente non hai letto) spiega in dettaglio come cambierebbe la viabilità. IMHO prima si fa il ponte poi si costruiscono le strade intorno. O facciamo le autostrade per non farci passare nessuno? X la Salerno Reggio Calabria leggiti sempre il piano sopra.
    Mi si potrebbe appuntare che 1 conto è fare un progetto un’altra cosa è realizzarlo. Verissimo. Però è su questo che bisognerebbe vigilare, non certamente lamentarsi di problemi che sono già stati affrontati, risolti e tutto è stato messo nero su bianco.
    #87
    Le colpe sono e saranno dei dirigenti nella misura che gli spetta. Se durante i mondiali l’assenteismo nella PA ha raggiunto livelli paragonabili a un’epidemia di colera non è certo colpa loro. Fino a pochi mesi fa la mezza gg di mutua x la partita NON ERA ASSOLUTAMENTE PUNIBILE. Inoltre ora si è iniziato a licenziare i fannulloni (principalmente dove amministra la lega mi risulta) ma solo 1 anno fa era impensabile. Un discorso è l’organizzazione del lavoro, ben altra cosa è evitare che i dipendenti pubblici truffino lo stato.

  78. LordKhain

    @ 88 Barra
    “Le colpe sono e saranno dei dirigenti nella misura che gli spetta.”
    Bugia: non c’è nessuna sanzione per i dirigenti nel mirabolante decreto Brunetta. Questa è la solita cosa che “dovrebbe essere così” in realtà non lo è, perchè ne a Brunetta ne a questo governo interessa risolvere i problemi, fossero anche costretti ad intervenire sulle categorie dove riscuotono voti e consenso. Gli interessa solo gettare fumo negli occhi dei creduloni.
    “Fino a pochi mesi fa la mezza gg di mutua x la partita NON ERA ASSOLUTAMENTE PUNIBILE.”
    E non lo è neanche ora. Al massimo se arriva il medico fiscale e decide di ridurre il periodo di malattia può farti rientrare il giorno seguente, esattamente come da prognosi del certificato medico. Non riportare le tue opinioni errate come se fossero dati oggettivi: non lo sono.
    “Inoltre ora si è iniziato a licenziare i fannulloni”
    Si poteva anche prima, visto che non è stata varata nessuna nuova disposizione in materia. E indovina chi aveva il potere e gli strumenti per licenziare i “fannulloni” ma non lo faceva??
    “Un discorso è l’organizzazione del lavoro, ben altra cosa è evitare che i dipendenti pubblici truffino lo stato.”
    Sono d’accordo. Ma al riguardo devo invitarti a documentarti e a scoprire a chi spetta la responsabilità della gestione del personale (ivi compresi sanzionamento per assenteismo, lettere di richiamo, note disciplinari, multe e anche licenziamento).

  79. Skumpic

    @89
    >Bugia: non c’è nessuna sanzione per i dirigenti nel mirabolante decreto >Brunetta.
    A leggere la delega dovresti trovare quello che cerchi all’ art. 5, 2 comma, lettera b
    ciao

  80. Barra

    @89
    Beh mi risulta che la meritocrazia tanto acclamata da Brunetta significhi proprio questo. Poi non ho problemi ad ammettere che non so molto di come intenda applicare il tutto.
    Il medico fiscale non solo pu\u00f2 ridurre i giorni ma anche stabilire che mutuato non era ammalato. I fatti oggettivi sono questi: prima un impegato comunale si dava malato per portare la macchina a fare il tagliando (se vuoi di do nome e congnome in privato). Ora prende 1 gg di ferie.
    Licenziamento? Si poteva fare ma visto che un dirigente non rischiava nulla e anzi viveva + tranquillo se si girava dall’altra parte non succedeva. Sono arrivati certi personaggi e i dirigenti ora sono “stimolati a lavorare”
    I rapporti tra mutua e mutuato non sono di competenza del dirigente. Il dirigente prende atto e fine li. Sta allo stato controllare che il malato stia male davvero! Cosa davvero facile, bastano 2 statistiche x scoprire che ci sono personaggi che si ammalano 1 o 2 gg per volta, spesso nei fine settimana, altri che passano che regolarmente la prima settimana di agosto hanno un attacco di mal di schiena (cronico, ripetuto negli ultimi anni). Questa sono cose che non competono ad un dirigente che tra l’altro non ha fatto selezione del personale ma si \u00e8 beccato quelli che gli passa lo stato (IMHO i consorsi non sempre sono la scelta giusta e anche questi andrebbero controllati 1 pò meglio)
    X finire: i dirigenti hanno le loro colpe, i dipendenti le loro. Si è iniziato a fare qualcosa x cambiare le cose (partendo dal basso) e tutti a lamentarsi? Sull’assenteismo i tondelli messi in parlamento sono un passo in avanti.

  81. Skumpic

    @91…..
    Poi dite che sono arrogante e saputello ….vabbè….. pazienza….. Mi domando cosa hai cercato e cosa hai letto…
    Il ddl “Brunetta” è abbastanza complesso e composto, comunque se volessi “saperne di più” ti linko un pò di risorse utili:
    h**p://www.senato.it/leg/16/BGT/Schede/Ddliter/31858.htm
    Alla voce TESTI ED EMENDAMENTI trovi il pdf completo (Testi ed Emendamenti) della delega al governo.
    Scorri fino all’articolo 5, 2comma, lettera b).
    Non aspettarti l’articolato perchè A) è ancora in discussione e B) quella è la delega al governo. Le linee guida che la ispirano però mi paiono già sufficientemente chiare.
    Felice di esserti stato di aiuto…..Magari dopo aver consultato il “documento corretto” potrai farti un’idea più precisa di quello di cui abbiamo parlato sino ad ora…..:)

  82. Barra

    d) ridefinire i criteri di conferimento,
    mutamento o revoca degli incarichi dirigen-
    ziali, adeguando la relativa disciplina ai prin-
    ` ` `
    c?pi di trasparenza e pubblicita ed ai princ?pi
    desumibili anche dalla giurisprudenza costi-
    tuzionale e delle giurisdizioni superiori,
    escludendo la conferma dell’incarico dirigen-
    ziale ricoperto in caso di mancato raggiungi-
    mento dei risultati, secondo i sistemi di valu-
    tazione adottati dall’amministrazione, e limi-
    tando i casi di conferimento, rispetto a
    quanto previsto dalle norme vigenti, degli in-
    carichi ai dirigenti non appartenenti ai ruoli
    ed ai soggetti estranei alla pubblica ammini-
    strazione;
    Questo è il testo (che non conoscevo e ti ringrazio), lo riporto per comodità. Ennesima dimostrazione che chi si lamenta lo fa senza sapere e con preconcetti causati da un’appartenenza politica che porta a combattere contro qualunque proposta dell’attuale maggioranza (discorso che poi valeva anche nella passata legislatura a parti invertite!)

  83. LordKhain

    @ 93 e 94:
    Ma stiamo scherzando? Il testo del decreto è ben diverso, la delega al Governo detta le linee per l’attuazione del decreto, ma i contenuti sono quelli che stanno nel decreto!
    E’ come dar retta alla scritta sulla confezione senza guardarne il contenuto! E il contenuto non è la delega, ma il decreto, nei cui articoli non c’è assolutamente nulla riguardo dirigenti e responsabili.
    Nella delega c’è solo un generico riferimento all’istituzione di un principio di responsabilità (che peraltro già esiste) e un astratto riferimento a strumenti di valutazione ed incentivi (tra l’altro anche questo come sempre pretestuoso e di facciata, visto che si tratta di strumenti che in buona parte già esistono).
    Peraltro non credo vi sarà sfuggito che al momento le riduzioni di retribuzione durante la malattia siano già in atto, mentre tutto quello che è contenuto nella delega ancora sono solo chiacchiere…
    Quindi: di cosa vogliamo discutere?

  84. Skumpic

    > Di cosa vogliamo discutere?
    Potremmo discutere se sapessi qualcosa di quello di cui stai parlando da 10 posts a questa parte…Scusami, non vorrei essere offensivo (dato che “salgo sul pulpito”), ma l’hai letto il mio precedente intervento? Hai letto il materiale linkato?
    Probabilmente parli del DL (decreto legge) 112 del 25 giugno 2008 (convertito in Legge n. 133 del 09/08/2008) che è solo una parte (minima o importantissima a seconda di come la si veda) di quello che ha “cominciato a fare” Brunetta e che in massima parte riguarda le assenze per malattia.
    Le linee guida del ministro per quanto riguarda la “riforma” della PA le trovi qui:
    h**p://www.funzionepubblica.it/ministro/pdf/34_punti_rif_brunetta.pdf
    Pensi che la PA si possa modernizzare/smantellare/quellochevuoi con un singolo decretino che riguarda solo la malattia???
    La sai la differenza tra DL e DDL?
    No, perchè io ti ho linkato il testo di un DDL (847/2008) e ti ho anche detto che è ATTUALMENTE in discussione in parlamento (o forse ancora nelle Commissioni parlamentari) e tu mi rispondi parlando di un DL di giugno (però almeno ci siamo avvicinati alla materia dato che prima parlavi di “sorveglianza sui prezzi”).
    Lascio perdere il resto dell’intervento perchè ci vorrebbe troppo tempo ad illustrarti tutto (non hai la minima idea di cosa sia una delega parlamentare e del suo iter), comunque mi fa sorridere il fatto che si sia esordito deprecando l’eccessivo ricordo del governo al DL (“Putinizzazione” dell’Italia!!!!) e poi quando si decide di “passare per le camere” si conclude con un:
    >Peraltro non credo vi sarà sfuggito che al momento le riduzioni di >retribuzione durante la malattia siano già in atto, mentre tutto quello >che è contenuto nella delega ancora sono solo chiacchiere…
    W L’ ITAGLIA!!!

  85. LordKhain

    Mi spiace invitarti a rileggere i miei precedenti interventi, visto che forse fraintendi e continui a fraintendere quello che scrivo.
    Ti parlo del DL di Giugno perchè appunto è la sola cosa approvata e convertita, mentre il DDL è ancora una lista dei desideri (ed è ancora in discussione).
    Ti faccio notare che non sono io ad aver protestato contro la “forma” del DL 112/08, ma anzi ne ho discusso SOLO i contenuti (e quindi immagino mi abbia confuso con qualcun altro); ed è un fatto che il DL 112/08 sia stato approvato e convertito, e quindi che sia applicato fin dalla sua approvazione.
    Ti faccio inoltre presente che l’articolo 5 del Decreto (che era oggetto della nostra discussione) è “Sorveglianza dei prezzi”, che ti piaccia o meno. Che poi tu pensassi di illuminarci la vita su quello che avverrà il giorno che saranno approvati i decreti attuativi della futura riforma della PA concepita da Brunetta direi che è un tuo problema.
    Io da 10 posts a questa parte sostengo che il DL 112/08 contiene una norma che è una vera porcata, discrimina i dipendenti della pubblica amministrazione ed è incostituzionale.

  86. Filippo

    Vorrei dire due cose, prima di tutto vorrei sapere se il fatto di essere povero è un’attenuante… io non credo… Illecito è sia per il povero sia per il ricco.
    Essere ricco non significa dover essere un soggetto punibile prima o piu di altri.
    Secondo vorrei far notare che come ha fatto per una categoria Brunetta lo fa per l’altra… vedi Palazzo Chigi…. sede del Governo… e prossimamente per i magistrati

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti