Menu Chiudi

YouTube – Will It Blend? – iPad

L’avevano fatto con iPhone, non poteva mancare certo l’iPad…

L’ottimo Luigiantonio “Firefox” Calò mi ha segnalato questa chicca, ultima puntata della campagna “Will it blend”, ideata da un paraculissimo produttore (nonché distruttore) di elettrodomestici.

Francamente non ho alcun motivo di avversare l’iPad come elettrodomestico o come idea per partito preso (a proposito: mi segnala che è già disponibile il jailbreak), ma è anche vero che non ho ancora trovato qualcuno che abbia capito a cosa mai potrà “servire”.

0 commenti

  1. drake762001

    Qualcosa si troverà da fargli fare all’ipad. In fondo anche l’iphone è nato come telefono, ma è l’unica cosa che non sa fare bene e non viene comprato per questa funzione.

  2. Lucilio

    Malgrado sia più di un mese che cerchi di collaborare con Wikipedia nel perfezionare la voce iPad, sono stato duramente cassato. I miei contributi probabilmente non sono benvoluti, perché pongono una questione che lede il tamtam pubblicitario su cui si è insistito molto.
    In breve, ho cercato di spiegare l’inadeguatezza del display LCD retroilluminato nel leggere ebooks, a favore di altre tecnologie più evolute. Mordendosi il labbro qualcuno mi ha concesso di far figurare in quella pagina termini come E-ink o Pixel Qi, ma depurando le intenzioni originarie e ridicolizzando il messaggio.
    Wikipedia deve piegarsi a leggi di mercato e fornire informazioni ingannevoli?
    I fan di Apple sono obnubilati…
    Chiedo scusa per esprimermi in termini così banali, eppure stamane mi sono incapricciato.

  3. Dass

    La versione italiana di wikipedia è comandata da una cricca di mafiosi, ci ho avuto aimè a che fare anche io.
    Tutto il contrario per la controparte in inglese.

  4. aeeadi

    La cosa che mi lascia basito è che la apple su questo “non si capisce a cosa serve” sta basando la pubblicità su l’ ipad, mi sembra incredibile che tutta l’ attesa di un prodotto possa essere basata sul semplice fatto che “non si capisce a cosa potrà servire”…

  5. emix

    Usate un iPhone per più di 10 minuti (e senza paraocchi) e capirete a cosa mai possa servire. Mi piace quotare una frase che ho letto sul web in questi giorni:
    “chi paragona iPad a un iPod touch ‘cresciuto’, evidentemente non sa di che cosa sta parlando. Sarebbe come dire che il tennis è un ping pong su un campo più grande.”
    Saluti

    • Lorenzo

      Io lo uso costantemente, e sinceramente questi giocattoli sbattono contro iTunes e le sue chiusure.
      Peccato perché l’Os è fatto bene.
      Però ti rispondo qui:
      “chi paragona iPad a un iPod touch ‘cresciuto’, evidentemente non sa di che cosa sta parlando. Sarebbe come dire che il tennis è un ping pong su un campo più grande.”
      Avendo bene o male lo stesso Os, direi invece:
      “chi vuole usare lo stesso paradigma di sistema operativo sia su un iPhone che su iPad commette lo stesso errore di chi vuole giocare a tennis con le racchette da ping pong”.

      • emix

        Prima dici che l’OS è fatto bene e poi ti lamenti che non va bene per iPad. Sono sicuro che molte cose possono essere perfezionate e sono altrettanto sicuro che così sarà con iPhone OS 4.0 (ricordati tutte le critiche alla prima versione di iPhone OS e l’evoluzione che c’è stata da allora).
        Poi per quanto riguarda le chiusure potrei anche essere d’accordo con te, ma cambio idea quando penso che il 99.9999% degli utenti si lamenta delle chiusure solo perché vuole usare giochi e applicazioni crackate.

        • Lorenzo

          Beh io non ho alcuna applicazione crackata.Ciò nonostante trovo l’interfaccia limitativa.
          Per una questione proprio di “campo da gioco”.
          Per fare qualsiasi cosa sei costretto a passare o per un monofinestra o per un menù contestuale che avviene (senza alcuna indicazione) tenendo premuto sul touchscreen.
          Ora, con tutti i menù contestuali che puoi mettere non sarà mai versatile come un menù normale di sistemi operativi che ammettono l’uso del menù applicazione, file, modifica etc…
          Per anni gli utenti Mac si sono giustamente vantati di potere avere una interfaccia multifinestra e comoda, ora ti danno una interfaccia monofinestra e monoapplicazione ed è rivoluzionario?
          Funziona, come ti dicevo, benissimo su un device che deve stare in mano e da usare con un dito, che senso ha per un device che ha una risoluzione superiore ai normali computer fino a 3 anni fa?
          Pure l’interfaccia NBR di Ubuntu per netbook forza tutte le applicazioni a funzionare con la finestra massimizzata, ma almeno trascinandola poi puoi far vagare la finestra in giro per lo schermo come più preferisci.
          Se ti vendessero un Mac e devi lanciare ogni cosa in monofinestrasenza alcuna possibilità di fare altrimenti, saresti contento? Guadagni col touch, ma perdi tanto altro.
          Costasse meno… avrebbe senso come house-appliance, se poi fossero stati furbi a dargli qualche porta in più sarebbe stato una manna di possibilità in più, ma nulla. Tutto per iTunes.

          • emix

            Il problema sta proprio nel fatto che continui a pensare alle applicazioni “tradizionali”. Tutti i dispositivi touch sono stati un fallimento fino ad ora (vedi i vari tablet con Windows) proprio perché cercavano di imbrigliare il touch sul software esistente. La vera rivoluzione sta nel ripensare il software e riscriverlo per questi nuovi dispositivi, e le API di Apple per questo sono uno spettacolo. Il monofinestra secondo me è un requisito essenziale nei software per i touch screen. Poi lo dice anche Apple che iPhone e iPad non sono fatti (almeno non ancora) per sostituire un computer “general purpose”, ma per quello che offrono sono uno spettacolo.
            Poi sei mi vuoi dire che Word (o peggio quell’aborto di OpenOffice) sia più intuitivo di questo http://www.apple.com/ipad/features/pages.html be’… de gustibus!

          • abracadabra

            magari sei tu che sei un aborto. ti sei mai posto la questione?

          • aeeadi

            Mi sfugge il motivo per cui l’ applicazione che hai linkato dovrebbe essere più intuitivo o anche solo lontanamente più comodo di open office (che per quanto pesante e con 1000 difetti direi che è un applicazione molto riuscita) o office, ti ritrovi a scrivere su uno spazio limitatissimo, che ci scommetto non è neanche lontanamente paragonabile alla comodità di una tastiera tradizionale, limitato come si diceva dai menù contestuali.
            Credo che in un dispositivo del genere si evidenzino tutti i limiti di un sistema completamente chiuso dove l’ utente non ha la possibilità di dare il proprio contributo secondo quanto ritiene più comodo o migliore!

          • emix

            @abracadabra: certo! E non sai quanto felice sono di essere un aborto, piuttosto che un ca**one come te!

          • emix

            @Amedeo: semplicemente perché per il 90% degli utenti quello che fa quel software è più che sufficiente, e non è necessaria una pseudo-patente per utilizzarlo. Quello che volevo dare è un esempio di come delle applicazioni pensate per i dispositivi touch siano più funzionali e intuitive delle corrispettive “tradizionali”. Ripeto che allo stato attuale non è possibile ottenere la stessa flessibilità delle applicazioni che si hanno su un normale computer dotato di tastiera e mouse, ma chi non vede delle potenzialità in questi nuovi tipi di interazioni uomo-macchina ha i paraocchi. D’altronde basta solo pensare a cosa era il mercato della telefonia prima dell’iPhone e a cosa invece possiamo usare adesso.

          • SempreIo

            @ emix: va là, mica penserai sul serio che far le seghe ad uno schermo abbia qualcosa a che vedere con interfacce del futuro, vero?
            I produttori (Apple tra questi) stanno raschiando il fondo del barile per cercare di portare l’informatica anche a chi continua a non masticarla, tutto qui.
            Tra 5, 10 anni al massimo queste masturbazioni ai dispositivi le avremo accantonate come mode passeggere, al più dedicate a determinate nicchie.
            Nulla più, nulla meno.
            L’informatica continuerà a farsi con tastiera fisica, mouse e workstation.
            Il resto, il mondo consumer, sarà e resterà sempre in balia delle paturnie del momento, siano schermi touch, rese 3D, comandi vocali e tutto quel troiaio presentato nei decenni passati dalla cinematografia yankee.

          • emix

            @SempreIo: è una tua opinione… poi bisognerebbe definire “informatica”.

          • SempreIo

            Certo che è un’opinione, esattamente come la è (per giunta interessata, visto che ci campano) quella dei produttori che vendono i loro prodotti come Il Futuro.
            Per informatica basta pensare a quella roba che quotidianamente gestisce un pianeta di ominidi molto poco sapiens in larga parte delle sue abitudini.
            Di certo non parliamo di utenza consumer o prosumer: già sarebbe improponibile far qualcosa di più produttivo con queste amenità senza scomodare chissà che ambiti produttivi.
            Venderà? Probabilmente sì, come ogni scempiaggine da almeno un cinquantennio.
            Sarà il futuro di qualcosa? Ecco, già qui la questione si fa più spinosa, perché dovremmo definire il “qualcosa” che dispositivi elettronici multipurpose potrebbero fare meglio delle tecnologie odierne.

  6. Matiee

    Ma nessuno può informarlo che, oltre ai guantoni e agli occhiali, una mascherina per le polveri non gli farebbe male?
    In realtà quel poveretto ha 22 anni… :'(

    • Simone

      Ben gli sta.
      Non ho mai capito cosa ci sia di divertente in questi video dove si distruggono oggetti elettronici costosi, perfettamente funzionanti, per ottenere una polvere tossica impossibile da riciclare. Mi sembra la classica americanata idiota. Scusate, starò diventando vecchio…
      Respira, respira!

  7. scienzedellevanghe

    Nessuno si è posto il problema dell’ingiustificato spreco di denaro o forse è troppo banale? :)
    Credo che potrebbe essere molto utile nel mondo business, ad agenti e rappresentanti. Certo, se sei un geek che possiede pc-desktop, notebook, subnotebbok, telefono palmare…. un tablet pc non serve assolutamente a nulla. Trovo questi dispositivi prioritari rispetto alla lavagnetta della apple.

    • pionono1870

      Lo spreco di denaro credo sia l’acquisto dell’iPad, la sua distruzione è solo la logica fine ;)

  8. VinzLos

    Si può discutere sull’utilità dell’iPad, sul suo costo, sul calore che emana, sul wifi instabile ma vantarsi di averlo frullato è roba da dementi e mantenuti. Un insulto alla povertà

  9. Luca

    Hmm, prova inutile e sprecona: che insensato comprare un iPad per poi distruggerlo. La cosa migliore? Non comprarlo proprio.

  10. neXus_mastiff

    Ipad… Un hardware che, evidentemente, le persone normali non possono capire e che,invece, dei cultori apprezzano e comprano anche a scatola chiusa..
    Si narra di gente in tenda per giorni fuori all’ AppleStore in attesa dell’ora X , di “dammi il cinque” ai commessi , di problemi che saranno risolti con i prossimi firmwares etc…
    Io l’iphone l’ho comprato e… L’ho subito regalato alla mia ragazza , ma almeno quello , oltre ad una marea di inutilità, telefonava..
    Che fa sto coso? Ti fa leggere un libro? Ma davvero? Boh…
    Perdonate la mia ignoranza, nonostante conosca i prodotti Apple da una ventina di anni, non sò a che serva un Ipad apparte dire “Cribbio io Cellhò!”

  11. Mr. Dreadsoft

    Io vedrei un dispositivo del genere molto utile in diversi ambiti. Ad esempio, in una corsia di ospedale potrebbe permettere di convogliare su un unico dispositivo dati, risultati di analisi, schemi di terapia. A volte guardo il mio ipod e penso che potrebbe essere un dispositivo eccezionale … *potrebbe* … se avesse una porta usb, un bluetooth che mi fa collegare a qualsiasi dispositivo bluetooth, se permettesse di collegare un microfono qualsiasi senza usare un caz…pita di connettore per qualsiasi cosa. Il fatto di essere originali, non dovrebbe esentare dal rispetto di standard esistenti. Questa cosa di “io ce l’ho lungo quanto il tuo, ma il mio è a cavaturacciolo” alla lunga stanca

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti