pollycoke :)

Sono stato rapito dagli Alieni

Ignorate pure questo articolo se non siete interessati ad approfondimenti su chi/cosa c’è dietro pollycoke :)
Speravo che non ci fosse bisogno di scriverne, ma vedo che alcuni (anche amici di vecchia data!) sono ancora po’ confusi o diffidenti riguardo al mio ritorno al famigerato diarietto.
C’è chi mi dice che scrivo in maniera differente, chi azzarda che penso in maniera differente (eh?), chi per finire ipotizza che in realtà questo sito è stato acquistato dalla Mondadori… Insomma, cose del genere. In un certo senso anche legittime, credo. Ma la verità è un’altra…

Piuttosto che far deragliare altre discussioni, sprecandole con altri commenti fuoritema (che fanno sempre girare un po’ los cojones a chi legge), ho ritenuto giusto rendervi tutti partecipi di questa cosa e chiarirla, non nel senso di “accidenti, mi tocca dare spiegazioni” ma con lo spirito del “che bello, un modo per parlare su un piano più personale senza usare il pinguino come scusa!“. Anche perché se devo dirla tutta ho un po’ il carbone bagnato: nemmeno io sono sicuro che voi siate gli stessi di sempre!

No, in realtà nessuna Vulcaniana in vista :/

Innanzitutto ho detto una bugia nel titolo: non sono stato rapito da nessun alieno, in realtà ho solo ripreso una battuta letta in un commento, delusi?
Volevo solo rendermi più importante agli occhi di chi sogna di essere rapito da una vulcaniana, prima o poi. Se qualcuno si dovesse sentire offeso da questa o da altre mie parimenti gravissime colpe e non vorrà più leggermi può semplicemente eliminare il segnalibro e magari il feed RSS dal suo lettore: non me la prenderò di certo! Questa era travestita da battuta, ma è una cosa seria.
Detto questo, pubblicizzo una non-così-stupida trovata che risale a qualche mese fa: l’EULA di pollycoke :) È brevissima: leggetela e tra un sorriso e l’altro scoprirete qualche risposta a domande che magari non vi sarebbero mai venute in mente, tipo su chi è il proprietario di questo sito, chi decide che argomenti trattare e come trattarli. Ve la schematizzo e amplio per comodità:

Una piccola nota a me stesso posso farla, in realtà. Ed è che – lo avrete notato – dall’apertura ad oggi (più o meno un mese) non mi sono veramente concesso a voi nemmeno un po’ a livello personale: non vi ho esplicitamente comunicato nulla della mia vita reale2, non ho condiviso istantanee, ricette, musica, tresche o altro.
E non lo farò finché non sentirò di essere tornato per voi lo stesso di sempre.

Note all'articolo

  1. Che parolone []
  2. Ma chi sa leggere tra le righe prova quasi imbarazzo per la mia spudoratezza anche in articoli apparentemente sterili come una recensione di KDE []
Vai alla barra degli strumenti