Menu Chiudi

Inizia la caccia all’avvistamento di #ubuntu 10.04

Ci siamo! Come ogni sei mesi inizia il tam tam, la simpatica caccia per avvistare l’animaletto di turno nella sua tana… e io stavolta accolgo l’invito a twittare #ubuntu :)

Tocca a Lucid Lynx, una lince, a fare da mascotte alla nuova versione di Ubuntu, che si conferma in assoluto la distribuzione Linux più popolare, nel bene e nel male, tanto da essere ormai univocamente identificata con Linux dai più, e precepito come terzo OS un po’ da tutti.

Di questa nuova versione, che è una LTS1, si è discusso a lungo perché coincide con un periodo di grandi cambiamenti: nuovo (controverso) aspetto grafico, nuovo set di applicazioni predefinite, un accenno di Ubuntu Music Store, un avviato Ubuntu One… ma soprattutto un (benvenuto) approccio agguerrito da parte del “benevolo dittatore”.

Mi piace pensare che dopo tutto è solo un cucciolotto, ma non vedo l’ora che affili le unghie!

Note all'articolo

  1. Long Term Support, ossia sarà supportata più a lungo, cosa che le conferisce una certa importanza. []

171 commenti

    • GNAM

      Io a questo punto farei un’altra release candidate.

      Forse hanno corretto il bug,
      ma il bug significa anche che tutto non è stato testato a sufficienza.

      • Zap

        Oddio, non era questo baco così distruttivo: si “dimenticava” di inserire le opzioni per gli altri sistemi operativi se tali partizioni erano state montate nel live cd (il che succedeva se migration-assistant trovava qualcosa da ..migrare). Bastava fare una update-grub dopo l’installazine, ma ovviamente un utente non navigato sarebbe andato in panico (da cui la scelta di rifare le immagini con il fix). Però non lo chiamerei un bug “fatale” come han fatto quelli di OMG Ubuntu, nè direi che denoti chissà quale instabilità della nuova release: non distrugge niente, non fa perdere dati, ma ovviamente non è un baco da tenere in un prodotto finito perché un sacco di gente penserebbe di aver “rotto” le altre partizioni, userebbe il ripristino di windows7 e non si fiderebbe più di ubuntu..

        Per dirne una: il baco di snow leopard che (in alcune situazioni) cancellava tutta la home di un utente se questo faceva partire il guest account ERA un bug “fatale” che non avrebbe dovuto esistere nel prodotto finale (ma purtroppo sono cose che possono capitare…). Questo è solo un bug del cacchio da eliminare prima di annunciare la final. punto.

        • GNAM

          > Questo è solo un bug del cacchio da eliminare prima di annunciare la final

          Non mi pare di aver scritto nulla di diverso.
          Ho detto che se saltano fuori questi bug del cacchio il giorno della release,
          forse è meglio rinviare la release.

  1. Maurizio Geronazzo

    Io sono già in RC (come molti di noi forse!) da ieri. Devo dire che la scelta pulsanti a sinistra non è poi così malvagia. Peccato per Chrome che mantiene i pulsanti a destra. Lo sfondo maccoso, invece, mi ha fatto un po’ storcere il naso. La gran figata è il pulsante con la busta. Gestisci Empathy, Evolution e Gwibber con un click! Inoltre Rhythmbox (o come cavolo si scrive!) ha cominciato a funzionarmi! Per ora, insomma, direi lol!

    • ghitu2

      Anche se è una piccolezza, con Chromium si può impostare il tema in modo che usi pulsanti e barre del tema gtk, quindi con i suoi bravi pulsanti a sinistra; non so se questa possibilità esista anche in Chrome però

  2. eLiosh

    Installato oggi facendo il dist-upgrade.
    A me sembra molto fatto bene. Ho tolto il tema di default (il nero mi intristisce) e ho messo lo Human cacchetta classico.
    Mi piace sta LTS.

      • eliosh

        Inoltre,

        $ cat /etc/lsb-release
        DISTRIB_ID=Ubuntu
        DISTRIB_RELEASE=10.04
        DISTRIB_CODENAME=lucid
        DISTRIB_DESCRIPTION=”Ubuntu 10.04 LTS”

        Di più non ti so dire

        • Vortex

          Io finchè non vedo nulla di ufficiale(su ubuntu.com)non faccio niente,anche perchè potrebbe trattarsi della versione buggata.

          • shady

            La cosa carina (io sto usando la beta da un mesetto e mi ci trovo strabene) è che oggi, dopo l’aggiornamento, mi sono trovato un file nella home… fcm-speciale-10.04.pdf
            Cioè…. professional! :) (per curiosità è successo solo a me o qualcun altro ha tale presentazione?)

          • vervelover

            ragazzi dai lo sanno tutti che installando la beta o la RC e facendo gli aggiornamenti ti ritrovi con la versione finale prima che esca :)

          • shady

            si certo (intendevo dopo il mattutino aptitude update). Io volevo solo sapere se ho scaricato quel file per sbaglio o è incluso nella definitiva… vabbè ora la sto scaricando… lo saprò tra qualche ora… grazie

  3. lola

    Allora, rapita dall’emozione -da fragile cerbiatta quale sono- ho spolverato una virtualbox usa e getta e ho provato a uplodare la 9.10 (dotata sia di GNOME che KDE) che avevo lì.
    Mi limito alla cronaca degli eventi, lascio a voi le conclusioni.

    L’upgrade va senza problemi, peccato che debbe interrompersi ogni 20 minuti per farmi qualche domanda scema.
    Riavvio.
    Al login solita animazione sgraziata della finestrella che si apre. Ma possibile che nel 2010 non riusciamo a fare lo stesso effettino di xp? E sopratutto visto che non si riesce a farlo bene perché esporlo?

    Mi loggo dentro. A parte le considerazioni estetiche qualcosa non va nella barra. E per meta trasparente per metà opaca.
    Vabbe. Sbatto lì clearlook e cambio lo sfondo viola-intestino-di-orgango.
    A questo punto voglio provare un paio di applicazioni.
    Provo Istanbul (il registratore di schermo) che in passato mi dava problemi. Magari è migliorato.
    Crasha subito. Lo riavvio. Ricrasha.
    OK proviamo un programma che non mi ha mai dato problemi: Konversation.
    Avvio, importa qualcosa dl nome strano, i comandi che ti premettono di ordinare la finestra si bloccano. (dopo l’ennesimo riavvio funzioneranno)
    Allora vediamo se tracker funziona… Capperini!! E scomparso. Al suo posto c’è Nepomuk. Clicco sopra e si avvia il menu di kde. Peccano che non c’è modo di usarlo da gnome.
    Vabbeh. Vuoi vedere che è la volta che mi do a KDE?
    MI loggo fuori e mi riloggo con KDE. MI appare una scritta che dice che phonon è crashato. Lo schermo rimane nero. Ok anche questa volta niente KDE.
    MI riloggo su GNOME. Reistalliamo Tracker allora. Lo faccio dal nuovo ubuntu Software Center.
    Si blocca al 27% per mezzora.
    Chiudo la virtualbox. La prova per me è finita.

          • nicomede

            per quello ti chiedeva di usarle asd lol nadcslocpedulae (nuovo acronimo di chi strizza l’occhio creato per evitare di usare l’apposita emoticona)

        • nicomede

          lo stile del commento è ottimo, hai un blog per caso?
          per il resto potresti riprovarla diciamo fra un mese con tutti gli aggiornamenti ed evitando la virtualizzazione, magari ti convince.

          • lola

            Su un’altra macchina ho una Mint, se non succedono cose turche lascerò che la natura faccia il suo corso e si upgradi quella tra 3-4 mesi.

            Grazie per il complimento. Per adesso non ho tempo di scrivere in maniera continua e sto ancora lucidando il mio l’italiano, ma in futuro chissà. ^_^

    • felipe

      Grazie per l’input, lola. Interessante (anche se non bella) raccolta di disavventure… purtroppo concordo con te che siamo ancora nella situazione in cui basta inanellare un paio di azioni non gradite all’applicazione di turno per mettere in risalto varie fragilità che purtroppo sono reali.

      Installare e utilizzare contemporaneamente più DE su qualsiasi distribuzione Linux (sottolineo qualsiasi) è da sempre lecito, legittimo e financo incoraggiato, quindi non mi sembra per niente sovversivo avere sia KDE che GNOME. Per dire, io ho la stessa configurazione: due DE e per di più nella stessa home. Stesso vale per aggiornare piuttosto che “piallare”.

      Mi spiace se le scomode osservazioni di lola mettono in difficoltà l’amor proprio di qualcuno :)

    • d4n1x

      Guarda posso dire solo una cosa. Sono stato un paio di mesi su KDE4.3.2 su Debian ed era tutto ok. Ora ho rimesso kubuntu 9.10 con kde 4.4.2 e và tutto ok. Ho installato kubuntu 10.04 beta (in una seconda partizione) ed andava tutto ok, peccato che dopo i vari aggiornamenti sono iniziati crash di dolphin e altre menate. Ieri sera ho deciso quindi di installare kubuntu 10.04 rc (sempre nella seconda partizione) il risultato è uguale crasha dolphin. Insomma l’ho usata la beta da appena uscita e devo dire che andava meglio della RC gli upgrade anzi i downgrade che hanno fatto hanno incasinato di brutto il sistema e anche da installazione pulita il sistema ha casini, spero che anche ubuntu non stia così perchè altrimenti hanno fatto diventare la miglior release di tutti i tempi la peggiore.

      PS: kubuntu 10.04 era la miglior kubuntu di tutti i tempi peccato che gli aggiornamenti che hanno portato alla RC abbiano creato solo problemi. I quattro che mi hanno mandato in bestia sono:
      1) plymouth dopo l’intallazione dei driver ati si vede male (ho fatto anche una video guida sul mio sito per rimetterlo apposto http://www.videoguidelinux.org/it/software/63-plymouth-come-correggere-i-problemi-di-errata-visualizzazione-del-boot-splash ) peccato che con la RC la situazione sia ancora peggio plymouth si avvia solo alla fine del caricamento e ho tutto il tempo cursore lampeggiante.
      2) Dolphin crasha di tanto in tanto, non si sà perchè visto che su debian e anche sulla 9.10 non ha mai crashato
      3)Amarok impazzisce durante la ricerca della musica e mi satura ben 4GB di ram pià 4GB di swap, la cosa bella è che sulla beta di 10.04 non succedeva idem su 9.10 ed idem su debian
      4) il plasmoide per i dispositivi, al momento dell’inserimento di una periferica viene visualizzato 10cm sopra e staccato dalla barra, questo succede solo la prima volta le volte seguenti ritorna al suo posto. Anche questo errore è apparso dopo gli aggiornamenti ne sulla beta di 10.04 ne su 9.10 ne su debian si verifica.

      Per ora aspetto che esca la versione finale la riproverò sulla partizione secondaria e appena vedo che diventa stabile levo la 9.10 e metto la 10.04. Sperando che vada tutto ok. Comunque se questa la chiamano LTS mi sa che stanno fuori di testa.

      • Lorenzo

        Pure io avevo questi problemi, pure nautilus che la prima volta che compivi una azione (tipo aprire un file o spostarlo nel cestino) si incriccava senza segnale di vita per qualche secondo.
        Dagli ultimi aggiornamenti di ieri però parrrebbe risolto (a mia personale esperienza perché non sono riuscito a segnalare il bug né ad identificarlo, avevo troppo da lavorare).

      • lola

        Intendi la guest additions? Si, ovviamente. Ho dovuto reistallarla dopo l’upgrade come al solito.

        A proposito: possibile che nel 2010 per lanciare uno script del genere devo per forza andare da linea di comando!! (Mint almeno ha il “diventa root”)

    • Amon Paike

      Da tener presente che VirtualBox è o buggato o non emula fedelmente l’hardware, ho fatto dei confronti con vmware e con distro e sistemi operativi differenti. I Risultati lasciano a desiderare.

  4. xan

    ha installato kde e gnome e poi fatto l’aggiornamento…. è normalissimo che gli si sia sminchiato tutto

    l’aggiornamento è pensato per chi installa ubuntu e poco altro, se fai impicci non usare l’aggiornamento automatico

    non è cosi difficile da capire

    • TeoLinuX

      Se permettete per me non è una cosa così marziana avere 2 DE installati contemporaneamente. E se “non è così difficile da capire” perchè non mettono un semplice check nell’upgrade che ti avvisa che con KDE E GNOME si sminchierà tutto?
      Secondo me, se uno non ha iperpersonalizzato la sua distro e manipolato pesantemente i file di configurazione, un dist upgrade non dovrebbe fare grossi casini. Se no tanto vale dire: masterizzatevi la ISO e reinstallate da zero ogni 6 mesi

    • lola

      Ma scherziamo?

      Che cappero significa “ubuntu è poco altro”?
      Installare un’altro DE dai REPOSITORY UFFICIALI “sminchierebbe” l’upgrade?

      Posso avere allora una lista dei programmi ufficialmente supportati dal team ubuntu che “smichiano” l’upgrade? Sarebbe utile. ^_^

      Inoltre non capisco come avere installato KDE (che dopo l’upgrade ha smesso di funzionare) possa aver creato tutti quei problemi.

      • TeoLinuX

        Appunto!
        Peraltro se un team spende tempo e sforzi per fare un upgrader auomatico, dovrebbe anche prevedere una funzionalità che faccia il parsing dei principali file di configurazione e se trova qualcosa che eventualmente confligge con il nuovo, dia la scelta di “sovrascrivo con i default proposti o vuoi rischiare e tenere il tuo file originale o faccio il 3 way merge?”

        Per l’aggiornamento di grub ad esempio va così.
        io quando in passato usavo ubuntu, ho visto che l’upgrader era abbastanza intelligente. Poi vabbè… una volta mi ha pure sminchiato pesante, ma diciamo che me l’ero cercata.

        E sta storia che KDE e GNOME non possano coesistere e addirittura condividere la home mi suona molto strana

    • felipe

      Sono anni che installo sia KDE che GNOME che E17 che Fluxbox che mille altri DE o WM contemporaneamente, che aggiorno e che anzi metto a dura prova tali procedure. Oltre a qualche stupido appesantimento non ho notato nessuno scenario apocalittico “congenito”. Solo qualche occasionale patatrac dovuto ad un bug in un installer o ad un’applicazione capricciosa.

      Vediamo che adesso spunta fuori che su Linux non si possono più installare più DE? o0

  5. anonimo_linuxziano

    Beh se uno ha gnome e kde che condividono la stessa home i casini mi paiono scontati. ma poi installare solo / noo?

    • lola

      E da circa 15 anni che una delle ricchezze di linux (in questo blog spesso giustamente citata) è la possibilità di avere più DE.

      Inoltre non mi sembra di aver letto da nessun parte “se installate KDE non potete più upgradare”.

      • Gino

        è vero anche però che ai più viene caldamente consigliato di fare l’installazione da zero, magari solo di /. L’avanzamento per come la vedo io è una possibilità in più che però non sempre funziona e a meno che non sia uno incline al terminale, da sconsigliare.
        Tutto questo ribadendo che non è necessario ogni 6 mesi reinstallare una distro ma se uno vuole una ubuntu sempre nuova e fiammante, all’ultimo grido, non deve lamentarsi di alcune prassi.
        Ps. tutto questo in virtualbox laddove avresti fatto molto prima a sto punto a reinstallare da zero.

        • floriano

          purtroppo l’aggiornamento è necessario visto che non mantendendo i il sistema aggiornato si rischia di rimanere senza repository validi..

    • felipe

      Non devono sembrarti scontati proprio per nulla. Installo e uso più DE contemporaneamente da sempre. Non creiamo falsi miti su Linux, più di quelli che già esistono…

  6. Kiu

    A Lola…..si vede che sei troppo romantica per capire la complessità di alcuni meccanismi.
    Sei fortunata che hai aggiornato due De(Gnome e Kde) su quel giocattolino di Bubuntu.
    Se lo avessi fatto su Gentoo o Slack a quest’ora staresti a fissare il grub!
    Non mettere in mezzo discorsi come Linux è bello perchè puoi installarci 200 De.
    Qui si parla di aggiornare una distro, da una versione ad un altra.
    Operazione che molte volte non va a buon fine, per una serie di conflitti/sovrascrittura di files di configurazione/sfiga e altre cose che non sto qui a spiegarti.
    Se vuoi capire un po di più di Linux, fatti un giro qualche volta su una rolling release per entrare nei meccanismi dell’aggiornamento continuo.

    • Gino

      Quoto è come se con un semplice comando dal prompt si aggiornasse vista a seven.
      Questo non è proprio permesso in altri SO, linux lo permette ma con delle configurazioni pulite e come specificato nemmeno in quel caso può andare tutto liscio, è molto questione di c..o e non poca bravura a rimettere a posto ciò che non è andato liscio.

      • lola

        E molto questione di c..o? X-D
        Quindi a un utente medio che deve mettersi ubuntu tu gli dici: “Ogni sei mesi il sistema ti si potrebbe sminchiare. E’ questione di c…o?”

        Sai cosa ti risponde? ^_^

        • Gino

          Ad un utente medio non consiglio di installare l’ultima release ogni 6 mesi ma di tenersi buona una lts per 4 anni e quando dovrà aggiornare gli consiglierò caldamente di reinstallare da zero o nel pieno spirito di condivisione di farlo insieme.
          In genere mi rispondono grazie!

      • urakaipa

        > Quoto è come se con un semplice comando dal prompt si aggiornasse vista a seven

        a parte che sarebbe da comparare l’aggiornamento in sé piuttosto come come viene invocato… su ubuntu chiami un comando e su windows inserisci il cd e scegli di fare l’upgrade. quello che segue sono tempi abbastanza lunghi e nel frattempo domande, per entrambi gli os. quello che segue ancora dopo è un sistema che potrebbe non funzionare bene, per entrambi gli os.

        > è molto questione di c..o e non poca bravura a rimettere a posto ciò che non è andato liscio.

        solo per segnalare quanto tempo passa tra un upgrade di ms windows, service pack inclusi (via wikipedia):
        xp 2001.10
        xp sp1 2002.09
        xp sp2 2004.08
        xp sp3 2008.05
        vista 2007.01
        vista sp1 2008.04
        vista sp2 2009.06
        vista sp3 2010.xx
        seven 2009.10

        che (sebbene ci siano delle sovrapposizioni) dà una media di un upgrade (sp o release) ogni circa 20 mesi. Saltando vista (come chi salta alcune versioni di ubuntu perché le prova e vanno malissimo o si informa online) si arriva con xp e seven a una media di 24 mesi. avere culo ogni 24 mesi è diverso da doverlo avere ogni 6.
        ora secondo me: o ogni sei mesi escono semplici bugfix e miglioramenti di versioni che la stragrande maggioranza degli utenti possa installare senza tanti problemi, oppure si elimina la possibilità di fare upgrade in questo modo, perché è davvero troppo troppo frequente ritrovarsi con un sistema rallentato, dal boot grafico distrutto, con programmi che non si avviano più a meno di non resettare le configurazioni utente, o ancora demoni che al login crashano, eccetera.. e questo ogni 6 mesi, non 24.
        Si elimini semplicemente la possibilità e la si lasci a chi vuole sperimentare. Per il resto si concentrino veramente sugli upgrade tra LTS.

        è vero anche che le versioni precedenti non vengono abbandonate al rilascio della successiva, quindi nessuno sarebbe obbligato a fare l’upgrade ogni sei mesi.. però qui è tutta colpa di canonical (e di altre distro) che ogni sei mesi rilasciano funzionalità completamente nuove o più complete, presentate come una pubblicità commerciale sempre più al pari di macos e che fanno sembrare la versione attuale vecchia e inefficiente e spingono l’utente all’upgrade. per macos e window c’è dietro una questione di soldi dove più vendi bene il prodotto in termini di marketing, piu lo vendi per davvero, ma su linux non sarebbe meglio restare con i piedi per terra e guardare come prima cosa assoluta la stabilità?

        • LorenzoC

          La “assoluta stabilita’” di Linux implica avere un ritardo ANCORA PIU’ OVVIO con il software delle alternative “commerciali”.
          Guarda Debian, la versione “stable” ha lo svantaggio di presentare un insieme di software vecchi di un anno o piu’. Non e’ un problema fintanto che non ti pesa avere Firefox 1.5 quando su Windows hai la versione 3.
          Come Lola diceva in un suo commento, tu puoi avere Windows 2000 (come nel mio caso) e installarci sopra praticamente tutte le applicazioni che “girano” su versioni successive di Windows, mentre per le distro Linux c’e’ sempre l’annoso problema della incompatibilita’ tra distro e tra versioni diverse della stessa distro.
          Si, esiste la possibilita’ del backporting e dei “repository” non ufficiali ma cosi facendo rinunci di fatto alla “assoluta stabilita’” che era la premessa.

          Poi, giriamo intorno al nocciolo della questione che e’ il modello di business del “software libero” o del “software open source”, posto che sono due cose diverse.
          Mancano le risorse economiche e quindi di persone pagate per, coordinare, sviluppare e fare controllo qualita’. Non si puo’ confrontare una azienda come MS con mille mila dipendenti con Canonical che ne ha qualche centinaio.

          • urakaipa

            parto dalla fine: i bug presenti negli ultimi rilasci di ubuntu (driver di intel bacati e compiz abilitato a 10 frame al secondo; stessa cosa per ati o nvidia la release successiva; devkit per hal e i problemi di sospensione; empathy per pidgin e niente file transfer; crash dell’installer se la /home è separata) non sono una questione di mancanza di risorse ma di professionalità.

            prendo spunto da fedora pur parlando con una semplice conoscenza da utente: ogni feature in sviluppo illustra scopo, obiettivi, benefici e soluzione di ripiego. se non si coprono abbastanza obiettivi, allora la feature non ha più alcuno scopo per quel rilascio e si passa alla soluzione di ripiego (che è poi spesso mantenere la versione attuale).
            ubuntu manca di questo modo di ragionare per ottenere qualcosa che nel suo insieme non sia contrastante (esempio inventato: un formidabile social client e il setup di grub che fallisce).

            non a caso (ora un po’ esagero) proprio per un social client, uno store musicale e qualche altra roba aggiornata o aggiunta (pitivi,..), le note di rilascio sono una lunga lista di regression, crash e freeze (ext4, ibernazione, i driver intel nvidia e ati, grub, crash dell’installer), http://www.ubuntu.com/getubuntu/releasenotes/1004

    • lola

      Usu distro linux da 15 anni sia per lavoro che per piacere. ^_^
      Upgrado distro linux da 15 anni.
      Ho usato e uso debian (sia stable che testing), slackware, red hat, arch, ubuntu, mandriva, puppy, mepis e dsl.

      Mai avuto problemi ad upgradarle con DE multipli. Mai sentito che ciò procurasse questi problemi (magari qualche confusione se si usa la stessa home).
      Su un mio desktop vive una debian che si upgrada dalla Woody (2002) con GNOME, KDE e LXDE che convivono pacificamente.

      Non conosco Gentoo, se lì non è possibile avere più DE e tenerla aggiornati mi dispiace per questo handicap. Su slackware non ho mai avuto questo problema.

      Puoi gentilmente procurarmi un link dove viene spiegato il problema e si avverte gli utenti di non upgradare distro linux se hanno più DE installati? Sarei molto interessata. ^_^

        • lola

          Scusa, ma quando si chiede una fonte di un’affermazione tecnica (“più DE spaccano l’aggiornamento su molte distro linux”) – fatta tra l’altro con toni assolutistici- non si può citare un paio di messaggi di un forum italiano di supporto di ubuntu lasciati da sconosciuti.

          Inoltre quel link non centra assolutamente con l’argomento: c’è un utente che chiede se gli conviene spianare o upgradare e quelli gli dicono “spianare”. X-D

          Il fatto che poi si consigli un’installazione ex novo non mi sembra certamente un argomento a favore di ubuntu. Non trovi gravissimo che un sistema per utente comune debba essere spianato e reinstallato ogni sei mesi?

          Già solo questo basterebbe a escluderla dall’uso nel 99% delle aziende che conosco. (Per molte di queste ho dovuto fare FOLLIE per convincerli a upgradare explorer…)

          • Gino

            Boh! ma forse sono io che non riesco ad essere chiaro?
            UN’AZIENDA CHE LAVORA CON LINUX NON AGGIORNA IL SISTEMA OGNI 6 MESI

          • lola

            Ottimo, rimanere indietro di 2 anni con i programmi favorirà gli affari :-)

          • Gino

            guando parliamo di avanzamento non parliamo di semplice aggiornamento, che sappiamo essere veramente semplice e indolore con linux, ma di CAMBIO di sistema.
            Visto che con windows le release escono più di rado e non certo ogni sei mesi uno non se ne rende conto ma se sul mio notebook volessi passare da xp a seven dovrei PER FORZA formattare.
            un’azienda mette una lts che gli dura 4 anni e che è stabile e performante per rispondere a ciò che diceva teolinux. e attende che diventi stabile e performante la successiva lts per rinnovare il parco software di tutti i computer.

            Non sto facendo polemica vorrei solo spiegarmi bene

          • Gino

            Ottimo, rimanere indietro di 2 anni con i programmi favorirà gli affari :-)

            La ormai vecchia Hardy Heron ultima lts prima di Lucid ha tutti i programmi che più mi servono aggiornati all’ultima versione. esistono i repo per mantenere i PROGRAMMI aggiornati.
            Il sistema è cosa diversa

          • lola

            Lanci una questione molto interessante, ma secondo me si scontra con uno dei limiti del sistema a repository.
            Ovvero il fatto che in distro come ubuntu non solo il sistema, ma anche i programmi rimangono indietro di 4 anni.

            Se io azienda scelgo Xp 2001, dopo 9 anni posso comunque installarmi l’ultima versione di firefox o OpenOffice. Idem per l’utente comune.
            Se io azienda scelgo una LTS di ubuntu… il parco programmi rimane bloccato. E’ non è un problema da poco (immagina, non ti puoi neppure installare l’ultima versione di firefox).

            Infatti sono anni che spero in una distro che sia stable per kernel e DE e rolling per i programmi. Secondo me sarebbe una soluziona da esplorare!
            Qualcuno conosce qualche progetto simile?

          • lola

            esistono i repo per mantenere i PROGRAMMI aggiornati.
            Ufficiali? Per tutti i programmi?
            Avevo provato qualcosa di simile ma andavano in conflitto le vecchie librerie di gnome con quelle nuove delle ultime versioni dei programmi.
            Puoi segnalarmi questi repository ed eventuali note del team ubuntu per favore?

          • Zap

            (non riesco ad annidare un altro commento, spero che il messaggio compaia nel posto giusto..)

            lola, guarda che su qualunque ubuntu (e ogni altra distribuzione) puoi installare l’ultima versione di firefox o openoffice o vattelapesca. Devi farlo come lo faresti su windows oppure su osx: andare sul sito del programma e leggere le istruzioni. I PPA sono un po’ scomodi da aggiungere, ma ora con Lucid dovrebbe essere tutto più facile: importazione delle chiavi in automatico anche quando usi la ui “Software Sources” e gestione dei ppa nel nuovo Software Center. Penso che ci abbiano lavorato proprio per questo motivo, anzi mi sembra uno spunto interessante..

            (se qualcosa andava in conflitto con le librerie di gnome, probabilmente non era il ppa “ufficiale” di qualche ben noto programma, ma piuttosto un ppa di qualche smanettone oppure di una versione di sviluppo)

          • urakaipa

            sì ma un’azienda pro linux usa lts e diciamo che va tutto bene.
            un utente pro linux aggiorna ogni sei mesi e non va affatto tutto bene.
            un’azienda e un utente pro microsoft aggiorna comunque molto più di rado e nel caso di xp, il parco software di terze parti viene ancora aggiornato e reso compatibilie con questo sistema che c’è dal 2001.
            su linux un utente che rimane con una lts viene visto come un essere triste, con tutte le funzionalità che non può avere e il marketing che le propina così bene con in fondo alla pagina “Aggiorna subito!”.

        • Kiu

          se usasse linux da 15 anni a quest’ora sarebbe su un altra distro o comunque lontano anni luce da Ubuntu :-)

          • Kiu

            [quote]Infatti sono anni che spero in una distro che sia stable per kernel e DE e rolling per i programmi. Secondo me sarebbe una soluziona da esplorare!
            Qualcuno conosce qualche progetto simile?[/quote]
            sabayonlinux
            :-)

          • lola

            Ma sabayon usa emerge e ti devi conpilare tutto a ogni aggiornamento giusto?

          • Kiu

            no.assolutamente NO!
            Sabayon da un anno usa Entropy, nuovo gestore di pacchetti binari(proprio come Ubuntu)
            il bello di sabayon è che puoi usare sia Portage che Entropy, anche se consiglio a molti di usare solo Entropy.

          • Gino

            anche io uso fedora per questo motivo, aggiorna continuamente i programmi ma purtroppo non blocca ne DE ne kernel. nonostante questo la trovo molto valida.
            Pensa che ho ancora la 11 con ormai kde 4.4.2
            Per ubuntu invece magari non saranno ufficiali ma volendo dei repo per delle applicazioni che necessitano di essere aggiornate ci sono.
            Tu con quali applicazioni hai avuto problemi?

          • lola

            Mm.. il problema è che non amo installare repository non ufficiali in giro.
            E’ un buco di sicurezza enorme.
            Chiunque controlli un repository che hai installato può in pratica fare quello che vuole del tuo sistema (a meno che non controlli a uno a uno tutti gli aggiornamenti, volta per volta).

            Proverò magari sabayon se è vero che blocca DE e kernel e pemette invece di upgradare i programmi.

            Tu con quali applicazioni hai avuto problemi?
            Ma.. più o meno con tutte quelle per cui ti serve una versione aggiornata. Dai vari messanger (cambiano i protocolli e le vecchie versioni hanno problemi) ai browser, a openoffice, a java (che fortunatamente si può scaricare dal sito ufficiale, ma voglio vedere un utente comune a installarla), a flash… etc…

          • Bigshot

            Troppe Pippe mentali, senza offesa…
            per utente normale base o per un’azienda “generica” anche un firefox vecchio di 3 anni va benone…
            basta pensare che non è raro trovare ancora in giro IE6…

            piuttosto se una persona vuole avere sempre le varie applicazioni all’ultimo grido non è più comodo una rolling relase magari bloccando i pacchetti critici (kernel, gnu libc e similari)?

          • ciccio

            perche’?
            uso ubuntu per 2 principali motivi
            1) debian. Ho imparato con lei e ormai sono anni che non installo altre distro
            2) non ho piu’ voglia di giocare con la riga di comando per configurarmi il desktop :-). Sinceramente cambio solo lo sfondo del desktop, per il resto uso le opzioni predefinite. Ormai il tempo per mee’ diventato importante e preferisco studiare sulle configurazioni dei servizi (web, posta, dns ….)

        • d4n1x

          il thread che hai postato è di una ignoranza e di una bassezza di contenuti sconvolgente. Non c’è uno li che dia una motivazione di quello che dice. Tutte teorie da bimbi minchia che vogliono fare gli esperti perchè hanno da due giorni linux e si fanno i fichi con gli amici facendo girare il cubo….

  7. Kiu

    Ps:
    scusate….ma certe cose non riesco a non dirle.
    Quando vi crasha un applicazione, non fate come su Windows….
    1.rimanete a bocca aperta
    2.rimate a bocca aperta e aprite facebook per sfogare la vostra rabbia
    3.scrivete un commento su pollycoke sfogando la vostra rabbia
    4.installate puppylinux
    5.spegnete il computer.

    L’unica cosa da fare e aprire un terminale, digitare il nome del programma, e vedere qual’è l’errore.
    Sbattere la testa su google, vedete quanti hanno il vostro problema e come hanno risolto
    Se nessuno ha il vostro problema, aprite una segnalazione sul sito del programma.
    Iscrivetevi su un forum di supporto(vedi Ubuntu-forum.it) e segnalate il problema.

    Non immaginate nemmeno quale sia la soddisfazione che riuscirete a ricavare dal far partire quel ca..zo di programma….con l’effetto secondario di aver imparato qualcosa di nuovo.

    • TeoLinuX

      Cazzo! adesso cambio lo status in facebook e piallo la partizione con puppylinux!
      ahahahahahahaha
      ;-)))))))
      Cavolo, tu hai fatto una critica e dei suggerimenti costruttivi: altri più su ho visto che hanno dato della cretina + insulti mascherati di incompetenza senza illustrare nè ragioni nè soluzioni. Forse prima di dire “pialla windows e passa a linux” tanta gente dovrebbe guardare come viene trattato chi espone un problema e capire perchè ci si tiene lontani dalla community!

    • lola

      Non immaginate nemmeno quale sia la soddisfazione che riuscirete a ricavare dal far partire quel ca..zo di programma….con l’effetto secondario di aver imparato qualcosa di nuovo.

      Questo è esattamente ciò che NON VOGLIO da un computer desktop.
      Essere costretta a lavorare perché funzioni (sprecando pomeriggi per lui) invece che usarlo per lavorare.

      Ti faccio un’esempio. Vuoi andare a lavoro o in vacanza. La tua macchina non parte.

      Ti senti fortunato ed eccitato perché devi andare dal meccanico e perdere mezza giornata per capire cosa succede?
      O frustrato perché perdi tempo in questo perché non stai facendo quello che dovevi fare?

      Non è una differenza tra window e linux. E’ la differenza tra quelli che hanno il tempo di
      “L’unica cosa da fare e aprire un terminale, digitare il nome del programma, e vedere qual’è l’errore.
      Sbattere la testa su google, vedete quanti hanno il vostro problema e come hanno risolto
      Se nessuno ha il vostro problema, aprite una segnalazione sul sito del programma.
      Iscrivetevi su un forum di supporto(vedi Ubuntu-forum.it) e segnalate il problema.”

      e quelli che vogliono che sia il computer a facilitare il loro lavoro, non viceversa. ^_^

      • TeoLinuX

        Si, però Lola a sto punto, dato il tuo dicorso sul “ci volgio lavorare” non capisco che ci fai su un blog come questo di felipe, noto ritrovo di gente per cui spesso il PC è anche un fine e non solo uno strumento. Voglio dire: se vuoi cose che funzionano c’è windows e meglio ancora MacOSX.

        Linux è molto più sperimentale e notoriamente instabile in tanti aspetti. MI RIFERISCO ALL’AMBITO DESKTOP prima che i sysadmin mi saltino al collo come linci lucide ;-))))))

        Io mi diverto tantissimo a fare esperimenti che tante volte mi conducono a dover ricorrere al terminale se non addirittura alla formattazione. Ovvio che per lavorare ho una partizione con un windows (games, tomtom ecc) e una con un linux tenuto “tranquillo” in quanto a smanettamenti

        • lola

          se vuoi cose che funzionano c’è windows e meglio ancora MacOSX.
          Va bene ^_^

          Tuttavia:

          Se una distro si propone come sperimentale, la giudico come sperimentale.
          Se una distro -come ubuntu- si propone come la soluzione per l’utente comune, la giudico come tale. ^_^

          A me personalmente non interessa un linux su cui smanettare. Trascorro 8 ore al giorno a smanettare (anche e sopratutto) con linux per lavoro. A casa non voglio smanettare. Voglio un sistema che funzioni.

          E spero ardentemente che un giorni linux lo sia. Per questo sono qui.

          • shady

            E’ di Ubuntu (la distribuzione umana) di cui stiamo parlando e il discorso sull’uso desktop è sacrosanto… non sarò un guru, ma te lo dice uno che schiaccia continuamente F12 per yakuake. Sono contento che ci siano anche utenti che dicano la loro al pari degli altri. Le parole di mark sono state chiare e le buone idee possono arrivare da tutti (anche se non per tutto)… l’unico appunto che posso fare a lola è che l’utente novizio non ha sicuramente 2 DE installati e il passaggio da una versione all’altra, se non si è personalizzato troppo, in genere fila liscio. Se si è personalizzato molto, allora probabilmente si ha la capacità (ma forse non la voglia) di upgradare e risolvere eventuali grane a manina. http ://codinghorror.typepad.com/.a/6a0120a85dcdae970b012877700777970c-pi

          • ciccio

            ************
            A me personalmente non interessa un linux su cui smanettare. Trascorro 8 ore al giorno a smanettare (anche e sopratutto) con linux per lavoro. A casa non voglio smanettare. Voglio un sistema che funzioni.
            ************

            Su questo sono “d’accordissimo”.
            Posso mettere tutto l’impegno di questo mondo per capire un apache che si schianta a causa di qualche modulo malconfigurato ma, se devo scaricare le foto delle mie vacanze voglio che funzioni senza nessun intoppo.

      • Gino

        quelli che vogliono che sia il computer a facilitare il loro lavoro

        1) non installano una distro al primo giorno di uscita ma almeno dopo 3 mesi, stesso discorso anche per altri OS

        2)non installano una distro ancora prima del fatidico final release

        3) Ascoltano i disinteressati consigli che possono facilitargli il lavoro.

        Non upgradare ma installa da zero. se aver fatto questo hai problemi di qualsiasi sorta sono allora degni di attenzione.

        • lola

          1) non installano una distro al primo giorno di uscita ma almeno dopo 3 mesi
          Sono perfettamente daccordo.
          Infatti aspetto sempre dai 3 ai 6 mesi per passare a un OS. Ma nel caso in esame io stavo provando un sistema per farmi un’idea, non lo stavo istallando su una macchina di produzione.

          Non upgradare ma installa da zero.
          Ripeto. E semplicemente RIDICOLO che una distro per utente medio si debba reistallare ogni 6 mesi.

          Se fosse veramente così il discorso ubuntu sarebbe già finito: nessuna speranza di imporsi nel mercato desktop.

          • d4n1x

            lola non ti arrabbiare con i newbe. Conosco gente che aggiorna Ubuntu e Kubuntu da anni mai avuto problemi. Io stesso spesso ho aggiornato senza avere problemi a volte anche saltando da 8.04 a 9.04 e mai un problema. Il vero problema sono le cavolate della gente e le guide sbagliate che vengono date per fare l’avanzamento di versione. Io quando avanzo uso il cd Alternate che al suo interno ha lo script per eseguire l’upgrade. Ora sono in un periodo in cui installo da 0 ma per un solo motivo, per installare da zero impiego 15 minuti per aggiornare ci metto più di un ora. Purtroppo chi non ci lavora con il PC non capisce. Aggiornare è fondamentale quando hai configurazioni particolari sulla tua macchina te ne ben vedi di formattare tutto per poi riconfigurare tutto. È da pazzi. A PS: il periodo prima che passassi a kde3.5 usavo gnome di base ma avevo anche KDE installato per provarlo (poi è stato amore e sono rimasto su KDE), e posso dire tranquillamente che ho aggiornato senza problemi.

            Ma scendiamo in tecnicismi, ditemi perchè non si possono aggiornare due DE insieme o con tanti programmi? Tutti i file e le configurazioni del caso vengono sostituite quindi? il vero problema è che se usate il metodo alla pene di cane non funzionerà mai l’upgrade. Per fare un corretto upgrade bastano 2 semplici cosa:
            1) CD alternate
            2) Connessione Internet

            con il cd alternate, come ho già detto, avvio lo script che fa partire l’upgrade, e quindi installa il sistema base, ad un certo punto mi dici di voler utilizzare anche i repository, la procedura dura di più perchè deve scaricare chili di pacchetti dalla rete ma alla fine il sistema risulta perfettamente funzionante ed aggiornato correttamente. Ovviamente se avete software ricompilato a mano non vi potete lamentare che non venga aggiornato o che non funzioni più, anche perchè potrebbe non essere più compatibile con nuove librerie.

          • floriano

            hehehe hai proprio ragione, ho visto tanti pc con xp che non sono stati formattati dalla data d’acquisto e ancora vanno +/- bene, l’unica cosa che fanno i proprietari è aggiornare ogni tanto il pc per evitare falle di sicurezza..

            molto raramente mi hanno chiamato per un aggiornamento fallato (ma molto più frequentemente per qualche piantagione di virus da sdradicare)

            ho su una partizione una kubuntu 7.10 (poco vecchiotta) su cui ho instalalto un dke4 sperimentale (di cui non ricordo il nome), è frustante dover far l’upgrade al sistema per poterlo aggiornare visto che il relativo repository è stato chiuso.

            altro problema è che ogni volta l’aggiornamento non si risolve con pochi byte e quindi è necessario aver una bella connessione adsl o simile.

            a questo punto credo installerò (tra qualche mese) questa lts sperando di aver il sistema stabile per un bel pò di anni..

          • LorenzoC

            Lola scusami ma cosa c’e’ di diverso dalla volta prima e dalla volta prima ancora?
            E’ sempre il discorso del flop di “Linux-sul-desktop”.
            I motivi del flop sono gli stessi, niente e’ cambiato.
            A parte lo sfondo. Capirai.

      • patton

        MMmmmmm proprio no.
        Dove li metti tutti quei personaggi che fanno i medici pur non avendo una laurea in medicina?
        Virus, malware, crash, BSOD, Personal firewall, e chi piu’ ne ha piu’ ne metta.
        Se per te lavorare e’ questo allora preferisco di garn lunga perdere del tempo per far funzionare un’applicazione (che in genere sono sempre piccoli problemi di configurazione o configurazioni vecchie nella home).
        Il 99% di questi crash li risolvi piallando il .qualcosa da dentro la home e facendolo rigenerare dall’applicazione.
        Altro che tempo perso.

    • Bigshot

      la risposta nel 90% dei casi è la stessa…
      RTFM

      preferibilmente prima di provare qualcosa di avventato.

  8. flacco

    Ripetiamo insieme: aaaaaaaaaaaarrrrrrrrrrrrcccccccchhhhhhhhhhhhh … aaaaaaaaaaaarrrrrrrrrrrrcccccccchhhhhhhhhhhhh … aaaaaaaaaaaarrrrrrrrrrrrcccccccchhhhhhhhhhhhh

    E ora continuate da soli, finchè non avrete introiettato il significato profondo di questo mantra.

    • lola

      Che cavolicchio centra arch con ubuntu? Hanno target e fini completamente diversi.

      E’ come confrontare un frullatore con un accendisigari.

      • Bigshot

        non esageriamo per favore…
        come ha fatto felipe a suo tempo… la metafora più azzeccata è quella automobilistica.

        comunque dopo anni di utilizzo dubbioso ormai mi sono assuefatto anche io ad archlinux…
        non c’è sia la distribuzione perfetta scelta dal messia però sul desktop casalingo la maggior parte di problemi che ho avuto sarebbero stati abbondantemente evitati leggendo la newsletter sul sito.
        Non riesco a capire come possa essere una distribuzione che suscita tanto feroce odio o incondizionato amore…

      • urakaipa

        che poi non vale nemmeno come risposta, arch:
        aggiornano troppo di frequente e troppo sull’instabile… nei quasi 10 mesi che l’ho avuta il manager del bluetooth a volte andava, update, non andava piu… ed ero li con aur a vedere sto terminale che scarica i tarball e li compila ogni giorno con a volte, incredibile, gli stessi risultati: funziona, update+compile, non funziona piu… (you have to compile also that lib against the other one with version x.y bah).
        divertente da usare così ma non c’entra niente con usare un os per fare qualcosa e non fare qualcosa per usare l’os

      • darkbasic

        non diciamo ca***te, da un po di tempo sono passato a gentoo e ormai l’avrò sentita un centinaio di volte questa tiritera. fatto sta che perdo molto meno tempo a confezionarmi la distro a mio piacimento ora piuttosto che quando usavo debian sid.

  9. Kiu

    ok…allora molti noi lavoreranno di terminale, di openbug, di supporto su irc, sui forum..per garantire la comodità di avere LinWindows gratis.
    Spero di aver reso il concetto!
    P.s:
    uso gentoo e sabayon da una marea di tempo, e non ho detto che non si possono avere de multipli.
    conosco però veramente poche persone che installando gentoo(dopo una compilazione di un giorno e varie ottimizzazioni) si suicidano sporcando il proprio computer con librerie di un altro De!

  10. DevAlien

    Lola, scusami se mi intrometto ma… se non vuoi avere problemi di nessun tipo, pagati un sistema operativo (Windows o MacOSX o qualunque altro che vuoi). Pagando un sistema operativo hai diritto che tutto ti funzioni, ma sappiamo che non e’ cosi’. Ma questo non e’ il tuo caso, visto che e’ da 528 anni che usi linux, ci lavori 8 ore al giorno piu’ altre ore alla sera. Il tuo caso e’ che hai scelto di usare un sistema operativo OpenSource, libero e la maggior parte delle cose sono fatte dalla comunita’, in tutte le distro capita che aggiorni un pacchetto e ti si sminchia qualcos’altro. Canonical in sto caso non c’entra, non e’ un problema legato solo ad ubuntu.
    Se vuoi giudicare un sistema operativo nuovo per come e’ fatto la cosa da fare e’ sicuramente fare un’installazione pulita e non avere li un installazione, aggiornare e poi spalare merda su ubuntu, kde, gnome e chi piu’ ne ha piu’ ne metta. Hai problemi? Si? Aiuta (legato al discorso del non paghi, comunita’).

    Parlo da ODIATORE di Ubuntu e canonical (che non fanno nulla di eccezzionale, stanno buttando via solo soldi).

    • lola

      Io invece non sono odiatrice di nessun sistema. Sono software che giudico dal punto di vista tecnico (e magari da quello delle licenze: motivo per cui “tifo” per linux).

      sicuramente fare un’installazione pulita e non avere li un installazione, aggiornare e poi spalare merda su ubuntu, kde, gnome e chi piu’ ne ha piu’ ne metta.
      Io ho riportato un’esperienza che qualsiasi utente medio avrebbe potuto avere. Non ho tratto conclusioni. Lo hai fatto tu ;-)

      Siccome ubuntu si pone come distro per utente comune, quando lo provo lo giudico come distro per utente comune. Un utente comune non reistalla ogni sei mesi.
      Tutto qui.

      PS:
      Sinceramente alcuni dei messaggi – specie quelli ormai censurati- mi suggeriscono un curioso parallelo con una situazione ormai tipica in italia.
      Ovvero quando qualcuno (es: un giornalista) racconta dei fatti, spesso non si ci chiede nemmeno “sono veri?” ma si attacca il tale dicendo “Come si permette!! Chissà cosa nascondi tu!”
      Insomma si morde il dito per non alzare gli occhi alla luna.

      Non facciamolo dai ^_^

      PS: Comunque discussione divertente, mi tiene compagnia mentre devo aspettare i comodi di un malefico scriptone…

      • shady

        Dai ragazzi, lola ha ragione da vendere… da “fanboy” (troll di turno hai perso l’occasione di dirmelo) posso riconoscere che lei ha sollevato una questione dannatamente saggia, sopratutto se ubuntu (ma vale anche per altre distro) ha l’obbiettivo di ritagliarsi una fetta consistente di mercato sui desktop.
        @Lola
        C’è da valutare che questa LTS è una pietra miliare per ubuntu, e per 3 anni l’utente medio non si troverà costretto a un cambio di versione (speriamo che l’accordo sulle librerie si realizzi ne frattempo). In questo mese che provo la beta, avrò scaricato un giga di aggiornamenti (a conferma del grande lavoro) e posto i bug (qualcuno l’hanno anche risolto! :D). Sinceramente trovo che ubuntu abbia ora una marcia in più.

      • Zap

        in effetti una buona, anzi ottima domanda (non retorica: non so la risposta) sarebbe: ma questi fatti sono statisticamente rilevanti? succede così spesso? perché storie di horror post aggiornamento capitano con tutti gli os, mica solo col pinguino. Su windows basta anche solo l’horror-aggiornamento-antivirus-che-per-sbaglio-cancella-svchost.exe-oppure-user32.dll…

        poi in effetti molti repliche a quel che dicevi mi son sembrate quantomeno controproducenti: per difendere “linux” da quel che avevi scritto tu, l’han definito un sistema incapace di gestire come si deve due DE insieme e in genere molto più instabile sia di osx che di windows e che cmq ha senso usare solo se ti metti a far ricorso al terminale. Un po’ come dire che ubuntu ha fallito e che sei scema tu ad averci creduto..

        (io la vedo così: o c’è un qualche bug, cosa possibilissma, oppure hai fatto qualcosa che non ci hai detto perché non ci hai pensato ma che metterebbe le tue disavventure sotto un’altra prospettiva. Non conoscendoti, ritengo entrambe le possibilità sensate)

        • lola

          Sono statisticamente rilevanti?
          Non lo so. Diciamo che non è certo la prima volta che mi capita una cosa del genere e che installo distro linux piuttosto spesso.

          Quattro mesi fa ho istallato Mint su una mia macchina per esempio.
          Ho dovuto generare lo xorg.conf da linea di comando e scrivermelo a mano per riuscire a istallarla!!
          Nel 2010 configurare il server grafico a manina!!
          Fa statistica? Non so.

          Io posso contribuire descrivendo ciò che succede a me. Dando un’occhiata ai forum di ubuntu non mi sembra di essere l’unica ad avere problemi ;-)

          Purtroppo molto spesso nella comunità vi è una specie di “omerta” riguardo ai problemi. Mi ricordo una volta che andai a casa di un amico linuxaro deciso a illuminami sulle bellezze di compiz (si erano QUEI tempi in cui compiz era appena uscito e sembrava il ritorno di budda tentacolato).

          LUI: Bla, bla blabla!!
          IO: Ma fino a ieri non dicevi che le interfacce 3D sono per stupidi che non sanno usare il computer?
          LUI: Cubone 3D!! Cubone 3D!! Istallalo anche tu.
          IO: No guarda lo conosco… troppo instabile per i miei gusti.
          LUI: Non capisci nulla di linux. Guarda che anche se succede qualcosa puoi passare in ogni momento al terminale e.. (avvicina le mani alla tastiera)
          IO (cercando di trattenerlo) : Non lo fare!!
          LUI (sprezzante): .. ma guarda che su Linux è normale! Guarda adesso sono al terminale.
          IO (sospirando): Non avevi lavoro non salvato spero? Non puoi tornare al DE adesso…
          LUI: C-c-cosa? (Cerca di tornare a gnome, ma tutto si freezera)
          IO: Cercavo di dirti che quello è un bug di debian testing in questo momento e uno dei motivi per cui non ho installato compiz.
          LUI: Ma no!! Stabilissimo! Ti garantisco che a me compiz non è mai crashato. (premendo freneticamente tutti i pulsanti mentre il computer bippa tristemente)
          IO: Ceeeeerto… ;-)

          Porterò sfortuna? X-d

    • splogad

      ma stiamo scherzando?
      è questo lo spirito della community? Il nostro sistema operativo è una merda però dal momento che i programmi prima di crashare scrivono il motivo, posso passare mezza giornata a cercare un altro sfigato che ha avuto il mio stesso problema….e l’ha risolto.
      Dire a una persona di usare sistemi proprietari perchè funzionano meglio è sbagliato ed eticamente scorretto.
      Io sono passato a linux perchè il sistema funzionava ed ho usato varie distro(Knoppix/Suse/Debian/Fedora/Ubuntu…) e tranne forse per Debian con le altre non ho mai avuto problemi.

      Il messaggio da far passare è che gli utenti inesperti chiedano, ad esempio, quali pc comprare in modo testare la compatibilità con il kernel linux ed evitare di comprare hardware non supportato; E NON trattare persone che hanno un problema dicendole “siete stupide perchè non usate la shell come la uso io”.
      Il sistema operativo GNU/Linux è stabile, ma offrendo molti più aggiornamenti dei suoi simili ha una maggiore probabilità di combinare dei casini.
      Qualcuno diceva (agli utenti non esperti) di usare solo LTS ed è giusto. Non so in quale laboratorio del MIT viva la gente che ha scritto alcuni post un pò aggressivi, ma la maggior parte della gente che conosco usa windows XP che implora da un paio di anni gli aggiornamenti, firefox 2 e office 2007.

      • DevAlien

        Hai scritto:” Dire a una persona di usare sistemi proprietari perchè funzionano meglio è sbagliato ed eticamente scorretto.”
        Io ho detto che se vuole reclamare senza aiutare si prenda uno di quelli.

        Non vuoi stare mezza giornata a guardare cos’e’ il problema. se tutti facessero come te? se nessuno scrivesse applicazioni? beh puoi inviare anche solo il bug report (quanti ti voi lo fanno???)

        • lola

          “Non vuoi stare mezza giornata a guardare cos’e’ il problema. se tutti facessero come te?”
          Scusa, ma questa me la ritaglio e la appendo in ufficio! Sei il mio mito!!

          Sostieni che su un sistema disegnato per l’utente medio gli utenti debbano stare mezza giornata a esaminare ogni problema per risolverselo da soli? X-D

        • Bigshot

          Per giusta educazione nei confronti dei dev prima di fare un bug report controlli sempre che non si sia un’altro ticket aperto?
          E una volta che l’hai fatto per buon cuore?
          Rimani comunque con un software che non va e non ha speranze di farlo almeno per qualche settimana…

    • d4n1x

      “Pagando un sistema operativo hai diritto che tutto ti funzioni”, niente di più falso, vogliamo parlare dei contratti dei Windows o di OSX? andateveli a leggere, non garantiscono nulla anzi ti diro di più Windows non garantisce nemmeno che il SO non ti distrugga il PC, quindi… Se poi per funzionare vogliamo parlare di virus continui o peggio ancora di downclock della gpu, di aggiornamenti e guest che distrugono i tuoi dati, di crash continui e tanto altro…. Ti dico pagare? mi tengo la mai Kubuntu con tutti i suoi difetti.

  11. Simosito

    Ho effettuato il dist-upgrade, ecco la mia esperienza personale colla Lince…
    Confermo la serie di domande stupide (ma utili per i niubbi).
    Una volta riavviato il panico: la schermata di boot senza immagine (solo un testo monospace, ma non c’ha messo niente a partire!) e i pallini (quelli sì) e schermata di login del tipo “ok hai GNOME ma non dovresti” (nessun riferimento a Ubuntu e sfondo color cacca). Effettuato il login ho notato che le barre (opache in origine) erano mezze nere, tolto l’opacità e risolto.
    Poi ho re-installato il pacchetto ubuntu-desktop e ho riavviato. Ogni problema si è risolto (anche se ho dovuto ri-eliminare Transmission Epiphany e simili). Poi sono passato al tema bianco (Radiance) che adoro.
    Essendo mancino non ho niente da obbiettare per la posizione dei bottoni della finestra.

    Insomma: dist-upgrade meno disastroso che quello dalla 9.04 alla 9.10 (mi si era suicidato Synaptic), l’unico “disastro” era colpa della mia mania di eliminare evince per Foxit Reader.

    Insomma, probabilmente la versione di Ubuntu che mi ha fatto la migliore impressione da quando lo uso (Xubuntu 7.04) e la prima a non fare danni irreparabili con dist-upgrade.

    Evvia la Lince!

    • lola

      Ispirato da te ho riaperto la virtualbox e ho provato a vedere se potevo risolvere qualche problema reistallando ubuntu-desktop, magari deinstallato per errore. Ma è già installato.

      Intanto nella virtualbox (musichetta inquietante)…

      Nepomuk sembra morto (e non ho intenzione di cercare il cadavere).
      Dall’area di notificazione ricevo errori a grappolo sul fatto che tracker non è riuscito a installarsi. Ma no!? Gli dico di mandare tutto il team ubuntu.
      (Ma quanto sono antintuitive delle notification che ci vai sopra con il mouse e scompaiono? )

      Mi sa che il software center ha qualche problem. Riprovato a installare ancora tracker con il SC: fallito. Da linea di comando riesco finalmente a re-installarlo …
      Già che ci sono voglio fare una prova per vedere come funziona l’audio con java che mi ha sempre dato problemi. Magari è migliorato. Faccio per cercare la barra del volume… E’ scomparsa!!!

      Vabbe la cerco nelle applet…
      Non c’è! -_-
      Ho capito!! Deve essere in fuga d’amore con Nepomuk!! Svergognata! ^_^

      Mi riprendo.
      Che si sia disinstallata? Cerco tra i pacchetti ma non trovo nulla di simile…
      Vabbe, alzo il volume dalle preferenze e provo qualche mia amata applicazione java. Ancora niente suono purtroppo.

      Domanda: anche a voi quando riavviate per un attimo appare la linea di comando piena di loggate bruttine?
      L’avvio almeno è molto veloce.

  12. gyu

    Insomma, praticamente da quello che ho letto è meglio aspettare altri 4 o 5 mesetti per provarla?

    • lola

      Per provarla puoi provala anche subito. Magari in una virtualbox. Per installarla in un contesto dove non vuoi brutti scherzi io consiglio almeno un paio di mesetti di attesa.

      NOTA: Questo vale per qualsiasi sistema operativo. Un sistema operativo medio di solito ha bisogno di almeno 3-6 mesi di rodaggio per togliersi di dosso i problemi più comuni.
      L’idea è: lascia che le rogne le scoprano gli altri…

      Un’alternativa infatti è Mint: che è in pratica una ubuntu ritardata di tre mesi con qualche (ottima a mio parere) razionalizzazione: menu decente, possibilità di diventare root senza linea di comando… etc… etc…
      Ovviamente “sempre ubuntu è” con tutti i pregi e difetti del caso.

  13. lola

    Tra l’altro attenti se avete una scheda ati. Dicono che i driver proprietari non vanno.
    “The fglrx binary driver for ATI video chipsets does not yet support the X server in Lucid. As a workaround, users should use the open source -ati driver instead. ”
    Quindi se ne avete bisogno rimandate l’upgrade o informatevi prima.

  14. zidagar

    Felipe, scrivo forse per la prima volta da quando hai “riaperto”.

    Ho Lucid da quando sono stati disponibili i repo. All’inizio (ovviamente) qualche casino, ma ora mi sembra funzionare benissimo (se non fosse per nepomuk e strigi che non mi piace come lavorano).
    Sarà che sono abbituato a smanettare, sarà che uso quotidianamente Debian Sid senza problemi (ci lavoro, mica ci cazzeggio e basta) ma non ho particolari problemi con Ubuntu 10.04.
    Ora ho xorg 1.8, kernel 2.6.34 e fino all’altro giorno utilizzavo i driver nouveau con accelerazione hardware 3D.

    Canonical sta facendo un ottimo lavoro…ogni release tira fuori un prodotto sempre migliore. Un altro piccolo passo per Ubuntu, un grande passo per tutti noi :)

  15. Amon Paike

    Insomma Se non vi va a genio neanche questa versione , che volete che facciano/amo, che si mettano una scopa conficcata nel culo e vi ramazzino la stanza?

  16. LorenzoC

    Io faccio notare che alcune delle “osservazioni” di Lola non riguardano questa versione di Ubuntu ma sono “strutturali”, cioe’ riguardano tutte le versioni di Ubuntu e anche tutte le distro equivalenti.
    Cose come l’installazione ogni sei mesi, i repository, il backporting delle applicazioni, eccetera.
    Volendo anche i “bug” o i “crash” o comunque i vari problemi riportati, tipo il fatto di dovere scrivere un file “conf” a manina, sono strutturali e non dipendono principalmente della distro ma della “qualita’” delle “componenti” che la distro raccoglie da fonti eterogenee.

    Io non vedo nessuna novita’ in questa release di Ubuntu rispetto alla questione generale de “Linux-sul-desktop”. I problemi generali e le cause sono sempre gli stessi.

    Quello che si nota in questa versione di Ubuntu e’ uno scimmiottamento un po’ piu’ spinto di Apple. Io trovo che sia un po’ patetico e contraddittorio, infatti, tralasciando l’estetica ORRENDA di Ubuntu, la “grafica” puo’ fare la differenza solo per l’utente assolutamente incompetente, che pero’ e’ quello che non puo’ uscire dal minimo problema che gli si presenta. Chiaro che Canonical fa meno fatica a cambiare lo sfondo che a rifare X.org.

      • LorenzoC

        Una volta che hai detto all’inizio della analisi che Ubuntu tutto sommato non e’ meglio ne’ peggio delle altre distro, tranne per il fatto che Canonical “ci crede”, penso che il resto sia abbastanza superfluo perche’ bene o male sono sempre le stesse cose gia’ dette/scritte/lette negli ultimi anni.
        Io sono “agnostico” (a-gnothein let. non sapere) e non “ci credo” fintanto che non “vedo”.

    • Amon Paike

      Quando Xorg 1.8 o ancora meglio Xorg 1.9 sarà a regime e il supporto dei driver hardware sarà decemte la situazione configurazione cambierà radicalmente per quanto riguarda il server grafico.
      Lo scimmiottamento apple è un omaggio/riconoscimento a Steve Jobs, e se ci fai caso , la scelta della Lynx come animale è perfettamente coerente alla questione felini…

      L’estetica di ubuntu è orrenda, ma è vero che si sta passando dalla “terra” all’ “oro” e se non ti rendi conto di questa “simbologia” sei fuori.
      Ubuntu è solo il portatore della staffetta di turno.
      Tutta la comunità opensource in generale cuoce a fuoco lento e cuoce bene, non ha da dimostrare con slogan nulla a nessuno, ne tanto meno ha delle scadenze, I fatti si fanno lentamente e bene.
      La crescita evolutiva negli anni c’è tutta e nessuno la può negare!
      Ti dirò di più, di questa crescita ne stanno giovando tutti, perfino quelle più famose aziende proprietarie….

      • LorenzoC

        Mi sfugge il concetto di “omaggio/riconoscimento a Steve Jobs”. E’ come dire che se Ford fa un’auto che assomiglia alla Panda e’ un “omaggio/riconoscimento” a Giovanni Agnelli. Ma a me che sono il potenziale acquirente che importa dell’omaggio? Io vedo una auto Ford che assomiglia (in peggio) alla Panda.

        Si sta passando dalla “terra” allo “oro”? Oh che bello. Ma fa cacare lo stesso. Io ribattezzerei Ubuntu come “la distro per daltonici”. Oppure “la distro che obbliga gli utenti a cambiare tema dopo 30 secondi”.

        Certo, cuoce a fuoco lento. Infatti siamo arrivati al punto che lo “utonto” puo’ usare il desktop Ubuntu (posto che gli si installi tutto alla prima botta senza inguacchi) piu’ o meno come se fosse Windows 98. Siamo solo un 10-15 anni indietro.

        • Amon Paike

          Potrai trolleggiare e morire d’invidia a vita delle capacità altrui.
          Ma non potrai mai carpire le sottigliezze della forza di un leader.
          Ti espilito la meta che si è dato mark shuttleworth dimostrandoti che la scelta di chiamare Lucid Lynx, un animale della specie dei felini non si limit solo ad un nome a caso.
          Come avrai notato, ci sono stati forti cambiamenti estetici, che per quanto tu li possa smerdare sono sempre migliorativi.
          L’omaggio a Steve Jobs sta nel fatto che è indubbio riconoscere le capacità di Steve. Scimmiottando leggeri aspetti dell’osx ma sopratuto prendendo spunto nelle scelte di marketing, nella decisione di aprire un ubuntu store, ed altre cose che sicuramente mi saranno sfuggite.
          Questo non vuol dire che Mark si sia mai sognato di mettere a confronto (per ora) ubuntu con l’osx.
          Ha semplicemente fatto delle scelte simboliche dandosi delle mete visto che è quello che fa da quando ha iniziato questa sua avventura.
          Chi è attento a queste sottigliezze, nota al volo che ad esempio Karmic Koala aveva come meta risolvere certi sottili problemi di usabilità che rendevano ubuntu spigoloso, c’era bisogno di “meditazione”, e mi pare che sia stata ottenuta in pieno tale meta, cosi come è stata a mio parere ottenuta anche questa volta.

          scelte di “marcheting e stile felino apple”
          http://www.ubuntu.com/products/whatisubuntu/1004features
          semplicità e bellezza
          http://www.ubuntu.it/
          Ubuntu store, nel senso di iniziare anche a guadagnare per miglioare
          http://arstechnica.com/open-source/reviews/2010/03/hands-on-ubuntu-one-music-store-will-rock-in-lucid-lynx.ars

          ed infine L’omaggio-confronto con il padre-guru dell’informatica di tutti i tempi
          http://dl.dropbox.com/u/5720/trending.png

          • LorenzoC

            “Ma non potrai mai carpire le sottigliezze della forza di un leader.”
            Ma come si fa ?

          • Amon Paike

            Non paragonatemi il nano malefico con la forza carismatica di un leader.
            La mia concezione di leader preclude tutt’altro, a partire dall’onestà intellettuale.
            Quasi come se ammettere lealmente che qualcuno sia degno e capace sia il sinonimo di prostrarsi chini.
            Sono di tutt’altra pasta. non certo un servo della gleba :)

          • Amon Paike

            Strano perché non mi reputo un tifoso, piuttosto un leale cane sciolto.
            Ammettere che qualcuno abbia fatto un buon lavoro, non è ,per ripetermi, chinarsi a 90°. Mi pare abbia scritto le mie motivazioni su certe affermazioni, sono abituato a cercare di osservare bene ed essere obiettivo. Faccio forse fatica a farmi comprendere?

          • LorenzoC

            Si capisce che non sei consapevole di quello che scrivi.
            A parte le offese gratuite e la noia dei link Youtube, nessuna persona dotata di un minimo di buon senso uscirebbe con sparate tipo “la forza carismatica del leader” che fa venire subito in mente Balle Spaziali o Biscardi, oppure con concetti tipo il “leale cane sciolto” che fa venire in mente il “cane” e lo “sciolto”.

            Eeh ma la Natura nella sua saggezza con una mano toglie e con l’altra da.
            Quindi il fatto di essere inconsapevole probabilmente e’ una benedizione.

          • Amon Paike

            Le mie offese gratuite sono spesso e volentieri inoffensive, e sono una reazione/provocazione al tuo stesso comportamento. Ho già notato in passato questo tuo infantile modo di fare.
            Offendi la gente spesso e volentieri e poi ti lamenti che gli altri assumono il tuo stesso atteggiamento con te.
            Complimenti per la coerenza, la stessa che fai sempre ed esclusivamente lagnando lamentele.

          • LorenzoC

            Ah le matte risate, dopo “la forza carismatica del lader” arrivano le “offese inoffensive”.
            Uno Zelig continuo.
            Beato te, che…

  17. Pingback:Che c’è di LTS in Kubuntu 10.04? | pollycoke :)

  18. darkham

    I “casini” che lucid ha adesso all’uscita (di cui diversi esplicitamente inseriti nelle release notes), quelli che ogni versione di ubuntu ha all’uscita, nel 2010 sono abbonabili solo perchè “free”.

    • LorenzoC

      Non sono abbonabili manco per un cacchio. Ubuntu e’ “free” ma il mio tempo no.
      Quello che succede e’ che un utente che non si diverte a combattere col software, quando incontra un certo attrito generato dai “casini” dice “ma chi ca@@o me lo fa fare” e disinstalla tutto.
      E prima di riprovare, se non e’ costretto per lavoro, ci pensa 100 volte.

      • Amon Paike

        ma non mi pare che nessuno ti stia puntando una pistola alla testa e ti stia dicendo di usare ubuntu o roba opensource , ne a te ne a chi non ha 5 minuti di pazienza in più come te.

        • LorenzoC

          Grazie di avermi illuminato con queste perle di saggezza e le precendenti.
          A parte suggerirti di vedere un dottore, io dire che se Canonical OGNI VOLTA rilascia una versione bacata e dobbiamo aspettare 3 o 4 mesi per avere un sistema senza bachi, la storia del cliclo di rilascio semestrale e’ UNA PRESA IN GIRO e allora conviene usare Debian Stable oppure se uno e’ disposto a perdere tempo coi bachi, Debian Testing.

          • Amon Paike

            Se mi espliciti il motivo del perché dovrei vedere un dottore , allora potrei anche farlo, ci sono centinaia di tipi di dottore, dal cardiologo allo psicologo allo psichiatra, ma generalizzando potrebbe esserci un dottore in informatica, in economia, in biologia , matematica, filosofia e potenzialmente potrei esserlo anche io visto che non conosci le mie referenze.
            Finita la parentesi, è prevedibile che non mi stai simpatico e spero che sia reciproco. Non mi fraintendere, non è per la tua “criticità” ma per la tua trolleggiante cattiva fede. Mi infastidisce la tua ossessiva e frustrante calunnia continua, non sei mai realmente obiettivo, non hai altro reale scopo se non quello di buttare fango su questo mondo nel suo cuore, come se questo sia il tuo nemico da combattere come se sia un male che stia crescendo per soffocarti. Mi infastidisce che lo fai in continuazione come una serie di note stonate che si infilano periodicamente nella nona sinfonia di beethoven, perchè lo sai bene che tu in questo posto sei stonato come quella nota.
            http://www.youtube.com/watch?v=pcJVAPkXsJ8

          • lola

            Questa moda di linkare un video youtube a ogni messaggio mi sta diventando più antipatica di quelli che includono le risate grafiche tipo “AHAHAHAHA!” ^_^

          • Amon Paike

            è il mio modo di esprimermi e “firmare”. nessuno ti obbliga a cliccare sui video ^_^
            p.s. se fino ad un attimo fa avevo dei sospetti a proposito di abusi di potere e sottigliezze di un leader adesso ne ho quasi la conferma :P

    • lola

      E vero. Le prime versioni di ubuntu hanno spesso problemi. Ma questa non è una scusa, semmai un aggravante.

      E come se tu figlio ti dice “Mamma ho preso 4!”
      “Come?”
      “Si ma tanto prendo sempre 4 di questi tempi, è normale” ^_^

      Inoltre da una LTS si ci aspetta stabilità prima di tutto. Anche perché – ammettiamolo- non sono state introdotte certo novita sconvolgenti….

      Detto questo speriamo che tutto si risolva e lunga vita a questa LTS. Certo che questa abitudine di usare gli utenti come beta tester (tipica del mondo informatico negli ultimi 5-6 anni) è proprio fastidiosa.

      • LorenzoC

        Le novita’ introdotte sono di due tipi, quelle irrilevanti e quelle fastidiose.

        Tra quelle irrilevanti ci metterei tutti i servizi Canonical, la rimozione di Gimp tra le applicazioni preinstallate, il “software center”.
        Tra quelle fastidiose le modifiche al desktop, alcune demenziali come i bottoni a sinistra che penso il 99% degli utenti, tranne qualche “cane sciolto”, si affretteranno a rimettere nella posizione originale mentre cambiano anche il tema generale inguardabile.

        Non so valutare il kernel e i driver, per quello bisogna aspettare un po’.

        Comunque ribadisco che non c’e’ niente di speciale per un “utente medio” in Ubuntu che non puoi trovare in Debian (e qui mi sembra relativamente ovvio) oppure in altre distro tipo Fedora.

    • Amon Paike

      i casini sono piccolissimi incidenti di percorso che vengono riparati quasi subito, LTS significa Long Time Support. E’ ovvio che per questa versione ci debba essere più cura ed attenzione, e mi pare che tale attenzione sia stata mantentenuta, La stabilità si era già raggiunta nella beta 1.
      Ciò non toglie che possano nascere piccoli inconvenienti e sviste.
      Quando uscì Snow Leopard tanto blasonato, e a PAGAMENTO … ricordo che fece Parecchi danni ma non si gridò allo scandalo

  19. Antonio

    Ciao!
    Ho installato la nuova versione di ubuntu, su una macchina con ubuntu9.10+windows7 Professional. Ho installato la nuova versione sulla partizione che prima conteneva la vecchia. Ora Windows 7 non parte più dal boot loader! Rimane un cursore bianco lampeggiante su schermo nero. A qualcuno è successa una cosa simile?

    Ciao e grazie. Antonio.

  20. Shadybuntu

    Ciao Felipe, ti seguo da quasi 2 anni, ma di solito scrivo poco, amo leggere guide e post e farmi una cultura e un’opinione, anche grazie a quello che tu fai per il mondo open in generale e per Ubuntu in particolare, anche le provocazioni e i flame certe volte servono a smuovere un pò.
    Volevo sollevare una piccola questione: è sempre più ovvia la complenetrazione fra mondo dei PC e alta definizione, sia Video ( HD, Blueray ecc. ecc) sia Audio ( Prologic, DTS ecc ecc) eppure su Ubuntu nel 2010 non c’è un frontend che mi permette di gestire anche un minimo l’audio, a meno che non decida di accontentarmi di un’uscita Stereo, ma con un impianto Kenwood e una Asus Xonar Essence Stx mi scoccia dover entrare in Win solo per poterne gestire le features e la potenza audio, io credo che si debba in primis cercare di ottimizzare le funzioni multimediali dato che ormai il PC è il centro delle comunicazioni in una casa, Musica, Film, Videogames, io con il mio PC faccio tutto. Trovo Ubuntu favolosamente veloce e funzionale, ed è un peccato che per delle semplici dimenticanze, a volte, non possa utilizzarla al massimo.

  21. LorenzoC

    Non e’ mica una dimenticanza. L’audio su Linux notoriamente “funzionicchia” solamente. Non e’ questione di “frontend”, e’ tutto quello che sta sotto che e’ carente.

  22. Shadybuntu

    E allora direi che è ora di darsi una mossa e cominciare ad essere competitivi realmente nell’uso giornaliero.. capisco la questione videogames, ma almeno nel settore multimedia si deve essere all’avanguardia, al passo con gli altri, se non davanti.

  23. LorenzoC

    Abbiamo due problemi.
    Uno e’ che la “community” che storicamente ha costruito e usato Linux non e’ mai stata interessata a rendere Linux competitivo per l’uso giornaliero inteso nel senso degli aspetti piu’ “consumer” come il multimedia. Meglio avere 21 differenti file system che un framework audio decente.
    L’altro problema e’ che non esiste una entita’ disposta a spendere i soldi necessari per rifare tutte le cose che ci sono da rifare e/o per fare quelle che mancano. Il motivo e’ sempre quello, il “software libero” non ha un modello di business capace di sostenere la “competitivita’” col software “proprietario”.

  24. lola

    Ho provato su un’altra virtualbox (ubuntu 9.10 praticamente vergine, installata e dimenticata tempo fa).
    Confermo che l’upgrade DISINSTALLA TRACKER. Ho almeno a me e’ successo due volte su due.

    Bello fare l’upgrade e perdere le funzioni di ricerca e’? -_-

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti