Menu Chiudi

Qt in azione sul server grafico Wayland

wayland-analogclockOttime notizie per i pinguini più curiosi: le Qt, le librerie alla base di KDE, sono adesso in grado di girare su Wayland1 . Lo segnala Nicola Discardi in SocialBox.
Wayland è un progetto relativamente giovane, nato per creare un server grafico leggero e reattivo, facente uso di caratteristiche del kernel Linux quali DRM e KMS. La parte interessante è che il suo sviluppo e la sua ipotetica adozione potrebbero ricevere una spinta decisiva da Intel.
È proprio un impiegato di Intel, Jesse Barnes, che ha pubblicato oggi la schermata che vedete, raffigurante una demo di drag’n’drop e un widget orologio Qt su Wayland. L’obiettivo dichiarato, come riportato tempo fa da Phoronix, è quello di usare Wayland in MeeGo (applausi), il sistema operativo mobile creato in collaborazione con Nokia. Considerando che MeeGo, a differenza di Android, è una vera e propria distribuzione Linux, chissà…

Note all'articolo

  1. A quanto pare le GTK+ erano più avanti su questo fronte []

13 commenti

  1. floriano

    non sarebbe male far dipendere tutto dalle qt scavalcando qualunque server x e simili.
    poi i vari X.org e GTK verrebbero reimplementati su base QT solo per la retrocompabilità con i vecchi programmi…
    (un pò come ha fatto windows con vista (vecchie api) e 7 (nuove api)

  2. salvatore

    Interessante. Sì,se MeeGo è una vera e propria distro mentre Android è solo kernel… Beh,non male la fantasiosa prospettiva futura.

  3. Frafra

    Domanda: cosa cambia per l’utente se le QT si appoggiano direttamente sul framebuffer o su Wayland?
    Mi paiono entrambi due approcci “innovativi”, in fase di sviluppo o di testing, per cui non capisco (o più semplicemente “non so”) perché si dovrebbe preferire uno rispetto all’altro.
    Qualcuno può gentilmente illuminarmi? :)

    • Giulio

      Il framebuffer non è niente di innovativo, in Linux c’è da anni ma, a quanto ne so, non è adatto a sostituire Xorg, mentre è usato in casi particolari come dispositivi embedded.
      Wayland invece può diventare un sostituto di X.org e si spera sia in grado di dare uno scossone al pietoso stato dello stack video in Linux.

      • Frafra

        Quindi supponi che le prestazioni non siano sufficenti con le QT sul framebuffer?
        Wayland non ha nelle sue intenzioni di sostituire Xorg, se non su dispositivi o in applicazioni particolari (almeno, così il creatore dice). Quindi non capisco i vantaggi di quest’ultimo per un sistema basato sulle QT.

  4. Anonimo

    Della serie, se è troppo multipiattaforma non ci piace…
    Fixare i problemi di X, che è praticamente lo standard UNIX dei server video, invece di fare un’altro (probabilmente fallimentare) progetto monopiattaforma?
    Se qualcosa non ci piace, probabilmente è meglio metterlo a posto che cestinare 20 anni di sviluppo di X su due piedi

  5. silix

    <>
    in informatica, il fatto che qualcosa sia standard non vuol sempre dire che sia perfetto, anzi
    spesso, il solo motivo per cui qualcosa si trascina per decine d’ anni è la mentalità dell’ ambiente in cui nasce e l’ impossibilità, od anche la ritrosia, di tirare fuori una soluzione migliore
    http://www.std.org/~msm/common/protocol.pdf
    suggerisco di leggere questo whitepaper perchè dà un’ idea di come in X11 vi siano problemi e idiosincrasie già a livello di protocollo e modello di coordinate (caratteristiche di base da implementare in ogni server e applicazione /toolkit per la compatibilità con x) la cui soluzione in sostanza è evitare di ripetere gli stessi errori in un’ ipotetica nuova versione del protocollo – versione che non verrà mai, proprio a causa del fatto che X esiste da decenni e ha in pratica decenni di applicazioni client con cui mantenere la compatibilità
    <>
    in base a cosa lo stabilisci? al principio che il sw, come i beni artistici, più è antico più è meritevole di essere preservato per i posteri? il sw è sempre e comunque solo uno strumento creato per svolgere una determinata funzione sull’ hw per cui viene sviluppato, e assolvere a determinati requisiti
    se cambia l’ hw e/o cambiano i requisiti e il compito da svolgere, il sw può benissimo divenire inadeguato, al che va fatta una valutazione
    quanto mi costa, in termini di tempo e risorse, soddisfare i nuovi requisiti modificando il sw esistente (cosa che può non essere affatto banale, dipendendo dalle mia capacità e dalla complessità e anzianità della code base, magari come in questo caso scritta da persone appartenenti a un’ altra generazione di programmatori, quindi con una mentalità possibilmente diversa)?
    e quanto progettare e implementare del nuovo sw, dal design magari più snello e al passo coi tempi, che svolga quella funzione?
    se c’è gente, peraltro tra coloro più “addentro” nel ramo ( se non ricordo male il creatore di wayland era tra coloro che hanno tirato fuori ) che ritiene più conveniente sviluppare un nuovo server minimale (che eventualmente supporti un server X come proprio client) piuttosto che proseguire con lo sviluppo di X (le cui lacune a basso livello cui accennavo in precedenza non verranno colmate praticamente mai – la 11 probabilmente resterà l’ ultima versione del protocollo da qui all’ eternità) …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti