Menu Chiudi

Recensione di Ubuntu Tweak 0.3.2 [deb]

Ubuntu Tweak - Pollycoke :)Ubuntu Tweak è l’ennesima interfaccia grafica ad alcune opzioni “nascoste” di GNOME (cfr “Hide and Seek: le opzioni nascoste di GNOME (e Compiz)”) in genere modificabili solo tramite alcune utilità per gconf.
Questa utilità non è riuscita a risolvere un mio piccolo problema con GNOME, che era il principale motivo per cui l’ho provata, ma mentre c’ero ho annotato un paio di considerazioni e fotografato qualche istante della nostra breve ma intensa relazione, e ci sono un paio di impostazioni nascoste che non conoscevo!

L’open-source una religione?

Religione Open Source - Pollycoke :)Emmanuele, la tua riflessione contiene un implicito invito a commentarne l’essenza a cui è praticamente impossibile sottrarmi, anche solo per confermare la bontà delle tue intuizioni.

Lasciando stare etimologie e gravami culturali che la stessa parola religione porta con sé, si può benissimo essere d’accordo nel definire l’open-source anche tramite l’approccio intrinsecamente aperto che caratterizza i suoi processi decisionali e gestionali.

Concordo con te che a questo punto sarebbe forse meglio parlare genericamente di filosofia o più specificamente morale o etica open-source.

Linux Counter: registratevi!

linux-counter.pngUna delle questioni più indefinibili che spesso vengono sollevate riguardo all’uso di software libero, e in particolare di $Prefisso/Linux, è che non esiste modo di quantificarne la base utenti.
I sistemi operativi proprietari sono comprati, registrati, dati in licenza (anche a chi come me non li usa più ma viene lo stesso contato), eccetera, ma quanti pinguini esistono al mondo?
Se escludiamo quelli dei ghiacci perenni, accuratamente contati con comodissimi chip applicati sullo scroto, non abbiamo dei dati precisi per fare stime degli esseri più o meno umani che usano Linux… Beh in realtà un modo ci sarebbe, e per di più non coinvolge minimamente l’integrità delle vostre sacre parti intime.

Vai alla barra degli strumenti